Crocifissi di Sicilia

Crux mihi certa salus (S. Tommaso d'Aquino)

Preghiere (Gela, Castelbuono, Santa Margherita di Belice, Canicattì, Bronte, Caltabellotta, Ciminna, Montelepre, Monreale, Caltanissetta

Gela

g

Preghiera locale
O Santissimu Crucifissu, quantu razzi faciti spissu,
unn’a passari sta iurnata, ch’amma essiri cunsulati.
Siti corpu sacratissimu e siti figghiu di Maria.
E lu sangu chi spargistivu, lu spargistivu ppi nui.

Coroncina in dialetto
Mistero

O Santissimu Crucifissu,
semmu vinuti innanzi a Vui
e lu sangu chi spargistivu,
e lu spargistivu ‘ppi nui.
Siti Corpu sacratissimu
siti figghiu di Maria,
pirdunati i ma piccati
e assistiti la menti mia.

Decina

O Santissimu Crucifissu,
quantu razzi faciti spissu.
Unna passari stà jurnata
camma esseri cunsulati.

***

Castelbuono

SONY DSC

Orazion ô Signur ‘nta Cruci

I

Sti piriuzzi su sacrati
Ca a la cruci su ‘nchiuvati
Gesù Cristu ridinturi
Murivi ‘ncruci pi nostru amuri.
E quannu fustivi all’agunia,
Signuri,aviti pietà, pirdunu e Misericuordia
di sta povera armuzza mia.

PATER, AVE, GLORIA

II

Sti manuzzi su sacrati
Ca a la cruci su ‘nchiuvati
Gesù Cristu ridinturi
Murivi ‘ncruci pi nostru amuri.
Signuri, aviti pietà, pirdunu e Misericuordia
di sta povera armuzza mia.

PATER, AVE, GLORIA

III

Sta tistuzza ch’è sacrata
Ca di spini è ‘ncurunata
Gesù Cristu ridinturi
Murivi ‘ncruci pi nostru amuri.
Signuri, aviti pietà, pirdunu e Misericuordia
di sta povera armuzza mia.

PATER, AVE, GLORIA

IV

Sta vuccuzza è sacrata
Ca a fele ed acitu fu abbivirata
Gesù Cristu ridinturi
Murivi ‘ncruci pi nostru amuri
Signuri, aviti pietà, pirdunu e Misericuordia
di sta povera armuzza mia.

PATER, AVE, GLORIA

V

Stu custatu è sacratu
Cu na lancia fu tracassatu
Gesù Cristu ridinturi
Murivi ‘ncruci pi nostru amuri.
Signuri, aviti pietà, pirdunu e Misericuordia
di sta povera armuzza mia.

PATER, AVE, GLORIA

***

Santa Margherita di Belice

ss-crocifisso

Sempri sia laudatu,
viva Diu Sagramintatu!
E laudamula a tutti l’uri
la Passioni di lu Signuri.

***

Canicattì

crocifisso (1)

… recita in famiglia un particolare rosario, intercalato da questa preghiera:

Arma mia,
pensa pi tia:
pensa c’hai a muriri.
Munti ribellu
s’avi a ribellari,
lu nemicu ‘nfernali
t’avi a scuntrari
e tu ci ha’ diri:
«Vattinni, brutta bestia ‘nfernali,
ca cu mia nun ci hai a chi fari,
ca lu iornu di la Santa Cruci
aiu dittu milli voti: Gesù, Gesù, Gesù…»

E a questo punto una donna risponde: Santa Cruci, aiutatini Vu, cui segue il coro a dire per dieci volte: Gesù; e quindi si comincia di nuovo con Arma mia… e si finisce solo quando il nome di Gesù è stato pronunziato mille volte.

***

Bronte

st

Ecco cosa scrive il Radice:
«Una leggenda corre ancora per bocca dei Brontesi sul crocifisso. Era quel crocifisso, poco artistico in vero, dai nostri buoni nonni, tempi beati di fede, tenuto come testi­mone e notaio nelle contrattazioni.
Creditore e debitore presentavansi innanzi a Lui:

“O san­tissimo Crocifisso di S. Giovanni, diceva il creditore, sii tu testimone che alla tua presenza io dò onze 100 a Tizio in prestito, da restituire fra un anno”.

“O santissimo crocifisso di S. Giovanni, rispondeva il debitore, ricevo da Caio onze 100, che alla tua presenza mi obligo restituire fra un anno, innanzi a Voi sotto pena della mia dannazione”.

***

Caltabellotta

 

“Evviva lu Santissimu Crucifissu Viva.

E chiamamulu sempri spissu lu Santissimu Crucifissu”

***

Ciminna

ss crocifisso patri di li grazii

[martedì 23 agosto 2011]

Patri ri li grazi

Appisu a chista santa cruci,
ca senti li lamenti e tutti i nostri vuci!
T’addumannamu paci, saluti e lavuru
e pi tutti li piccati, vulemu u to pirdunu!

Chiancemu a li to peri
e ni battemu u pettu,
ma appena fora ri la chesa
ni scurdamu gia’ ogni cosa!

La vita ri oggi ni pigghia
e n’attanagghia
e senza esitazioni
caremu sempri in tintazioni.

Nascemu piccaturi
picca c’e’ ri fari
vulemu si’ lo tu pirdunu
pi turnari poi a sbagliari!

Ma tu ri chi si fattu?
ca tuttu ti supporti
ca ogni nostru erruri

trafiggi sempri lu to cori
e sai ca nun c’e’ fini a tuttu chistu mali!

Si sulu pinzassimu
a quantu granni e’ lu to’ amuri
tutti a tia avissimu assumigghiari!

di Domenica Pavone

© riproduzione riservata

***

Montelepre

teu

PREGHIERE IN LINGUA SICILIANA

Chianci, chianci, piccaturi
Ca muriu lu Ridinturi

Rit. Chianci e grira accussì forti
ca pi nui, patiu la morti

1. Santissimu Crucifissu,
a vui riccurru spissu.
Avvucatu pressu Diu,
prutitturi amatu miu.

2. A nui tutti prisirvati,
a nui tutti libirati,
di fami, peste e guerra
e trimuri di la terra.

3. Siti sempri nostru scutu
prutitturi e nostru aiutu.

4.Santissimu Crucifissu
cu Vui mi cunfiru spissu
cu Vui confiru e speru
a grazia aspittannu ri lu celu

5.Santissimu Ecce Homu
quant’è beddu lu Vostru nnomu;
quant’è granni a Vostra putenza
mannatimi a ddivina provvidenza.

—————

Cincu chiai e cincu rosi,
lu Signori accussì vosi,
e si misi in agonia,
pi sarvari l’arma mia.
Dumannamuli ca l’havemu,
tutti li grazie chi vulemu
pi sti figghi ca ti isanu cu n’amuri
e chiamamulu semprì e spissù
“Evviva u Santissimu Crucifissu ViVa”

Santissumu Crucifissu,
li Vostri grazie su’ spissu;
sta iurnata nun havi a scurari,
ca sta grazia n’aviti a fari.

***

Monreale

24_aprile2010-225x300

Preghiera a Gesu’ Crocifisso

Questa è la preghiera che viene recitata da tutti i fedeli durante i giorni della “novena” e  ogni qual volta si recano in chiesa ai piedi del simulacro del SS. Crocifisso.

Santissimo Crocifisso! Protettore particolare della Città di Monreale. Riuniti presso il tuo miracoloso simulacro, inneggiamo con fede a Te, nella ricorrenza della nostra tradizionale festa.

Innumerevoli sono le grazie che dal tuo trono di misericordia hai sempre ed a tutti elargito. Veniamo ancora una volta, fiduciosi, ad implorarti la grazia dell’anima ed il perdono dei peccati. Accogli la preghiera che umilmente ti rivolgiamo, ben sapendo che volentieri ascolti coloro che a te si rivolgono.

Ti raccomandiamo le nostre famiglie, perché in esse regni la pace, rinsalda i vincoli della fedeltà e dell’unione coniugale.

Ti raccomandiamo i nostri cari morti perché venga loro concessa la gioia eterna.

Conforta e guarisci gli ammalati d’ogni specie, affinché trovino in te coraggio per sopportare ogni sofferenza.

Fai crescere sani i nostri ragazzi, docili ai buoni richiami dei genitori e infiammati d’amore per te.

Proteggi la gioventù da ogni vizio insano e fai che ogni giovane trovi occupazione e lavoro.

Concedi salute e lavoro agli emigrati. Assistili perché non affievoliscano o perdano la fede, ma possano essere vanto della Santa Chiesa Cattolica.

Benedici la terra, benedici il mare, perché producano il necessario pane quotidiano.

Ricompensa con le tue grazie coloro che praticano e diffondono in Italia ed all’estero la devozione verso di te, Cristo Crocifisso.

Ci mettiamo tutti sotto la tua paterna protezione  e fai che, per mezzo della Santa Vergine, madre tua e madre nostra, possiamo ricongiungerci tutti nella gloria del Santo Paradiso. Amen.


Poesia di Annuleru

Alla venerata immagine lignea, raffigurante il Crocifisso, custodita nella chiesa del SS. Crocifisso, il poeta monrealese Di Liberto inteso Annuleru gli dedicò questi versi:

Immagini di Diu, d’un Diu fatt’omu
Fu cui lu fici, o Luca, o Nicodemu,
Cui avissi statu nun si sa lu nomu,
Fu un Omu grandi, e in santità supremu:
comu nni vinni, nun sapemu comu,
Ne mancu quant’ann’avi chi l’avemu,
E quanti in Murriali semu o fomu,
Sta bedda, e santa immagini godemu,
Gudemu ntra st’Immagini un tesoru,
Iu vi lu cantu lestu, prontu e chiaru,
Sta nostra sant’Immagini è un decoru,
La mastria comu è fatta un avi paru:
Quannu la viju provu un gran ristoru,
E’ un oggettu amurusu, beddu e caru,
Ogni so membru vali a pisu d’oru,
Ntra na parola è un simulacru raru.

***

Caltanissetta Signore della Città

La lamintanza

Durante la processione del Signore della Città i fogliamari, discendenti storici e spirituali dei primi che rinvennero il Crocifisso, cantano con melodia bizantina la Lamintanza, una versione poetica romanzata della Passione di Nostro Signore di epoca incerta, opera del poeta Diego Nicolaci, come afferma l’ultima strofe.
Secondo quanto riporta il Pitré nella sua raccolta di Canti popolari siciliani Diego Nicolaci era un innocente condannato a morte, non si sa se originario di Resuttano, di Barrafranca, di Pietraperzia o di Caltanissetta. In seguito a una rivelazione soprannaturale la sorella compose il lungo testo poetico e invitò il fratello a impararlo a memoria, onde recitarlo il giorno del supplizio, perché ciò gli avrebbe acquistato la libertà. Diego imparò il testo e, mentre si trovava sul patibolo, pronto ad essere ucciso, lo recitò dinanzi ai presenti, che ne chiesero l’immediata liberazione.
Il testo viene tramandato oralmente di padre in figlio, a causa dell’articolata modulazione melismatica, durante la lunga processione, si cantano soltato poche strofe, e il testo integrale si è potuto ricostruire dopo un attenta analisi filologica fra il testo tramandato dai fogliamari di Caltanissetta, quello resuttanese recepito dal Pitré, e quelli cantati a Barrafranca e Pietraperzia. L’analisi filologica è stata necessaria perché tutte le versioni presentavano lacune o interpolazioni provenienti da altri canti popolari sulla Passione.

O dotti, studienti, studiati
‘nzignati bonu signu d’abeccè,
unu è lu Diu ca sedi ‘nTrinitati
ccu lu Figliu ‘i Mari’ ca Patri nn’è:
‘nCelu c’è tanti virgini ‘mmaculati,
e ppi lu munnu na Riggina c’è,
tutti dicemu: ‘Nnomini di Patri,
e di lu Figliu e Spirdussantu. Ammè.

Iu dicu: Virmarì, grazia blena
Dominis tecu beneditta c’è,
frutti ventri Gesù, fu giustu e veru
e cumu Matri puru e rettu jè,
Prenobis Mari’ fu gravitera,
piccatoribus Cristu natu jè:
nun potti stari cchiù ‘nCelu cum’era;
Diu morsi pì nui, Diu nostru. Ammè.

Diu ppì la nostra morti discinnìu,
calà di ‘nCelu ‘nterra e s’incarnau,
cumu na raja di suli cumpariu,
senza nisciuna macula ristau;
ppì discacciari lu nnimicu riu,
Cristu di ‘nCelu ppì n’arma calau:
trentatrianni caminannu jìu,
na mentri ca lu munnu riscattau.

Lu jornu di li Parmi nostru Signuri
tuttu lu munnu si misi a girari,
girannu paiseddi e boschi oscuri
la Liggi Santa ci jiva a pridicari.
-Unni va’, Figliu miu di tantu amuri?
All’ortu di Gilussemmi, miu Favuri.
-Figliu, chi ci va’ a fari? – Vaju a muriri,
pacenzia aviti di li me duluri!

Ti nni va’, Figliu, e a cu’ m’arraccumanni?
Cumu sula mi lassi, o vita mia?
Si tu sulu mi cerchi e m’addumanni,
ora cumu farrò senza di tia?
Specchiu di l’occhi mei, Favuri granni,
mi vistirò di niuru a la stranìa!
-O santa Matri, vi lassu a Giuvanni,
iddu v’adurirà ppì parti mia-.

Ci rispusi Maria la scunsulata:
-‘Nca a Giuvanni mi lassi e vo’ partiri;
sula mi lassi, scuntenta e addulurata?
È chista, o Figliu, pena di muriri!
Nun vogliu ca t’arrassi ‘na pidata,
unni ti nni va’ tu vogliu viniri;
camina avanti e ‘nzignami la strata,
chi unni finisci tu, vogliu finiri.

Tocca muriri a mia, Matri amurusa,
nun ‘mporta, Spranza mia, ca mi ‘ntrateni:
o Matri santa affritta e lagrimusa,
‘ddulurata di lagrimi, suspiri e peni,
binidicitimi, Matri rispittusa,
ca pri mia sulu cunsugliu si teni,
la morti mia sarà vitturiusa,
vogliu a li piccatura ‘stremu beni.

Ti binidicu lu stentu e l’affanni,
li novi misi ca ‘nventri ti tinni,
lu locu unni nascisti a tutti banni,
lu latti ca ti detti di li minni,
li canti di la naca, Amuri granni,
li diversi pinzera o li disinni;
chiamammu a Petru, Jabicu e Giuvanni,
persi lu dicu Figliu! Oh chi m’abbinni!

Gesù Cristu a mentri ca partìu
tri di l’apostuli so’ si nni chiamau,
Jabicu, Petru e Giuvanni ci jìu,
all’ortu di Gersemmiu arrivau;
arrivannu chi fici l’autu Diu,
risguardau ‘nCelu e ‘nmenti so’ pinzau:
li sudura di sangu ca spargìu,
fu cunfortu ca a tutti ni sarvau.

Giuda si nni pagau di la Judìa,
di la munita so’ trenta dinari;
e cu la perba cunsigliu tinìa,
uprava u tradimentu c’havìa a fari;
Giuda ci dissi: lassati fari a mia,
ca a Gesuzzu ‘mputiri v’haju a dari;
iddi su’ quattru di la cumpagnia
ma a cu’ vasu jiu v’hat’a pigliari.

Si misiru a caminari arrabbiati,
Giuda d’avanti sempri si ni jìa;
all’autri ci dicìa: -Caminati,
‘un facemu ca s’ammuccia pì la via!
Cristu ci dici all’apostuli: -Vigliati!
Viniri sentu ‘na gran cumpagia;
tutti susitivi ora, taliati,
chissu è Giusda ca veni pì mia.

Tutti vennu pì mia, giù lu viditi,
Giuda davanti e appressu li surdati;
cari apostuli mei, cchiù nun durmiti,
oh chi sonnu crudili, o ‘mpietati!
Jabicu! Petru! Apostuli, nun sintiti?
Giuvanni, veni ccà, pì caritati:
tu si lu ‘nguentu di li me’ firiti,
cunfortu di Mari’, Summa Bontati.

Tuttu abbissatu Giuda l’abbrazzau
arrivannu ca fici a l’autu Diu,
e di nnomu Maistru lu chiamau:
ma Gesù Cristu nun c’arrispunnìu.
Ccu l’occhi ‘nterra nun lu risguardau,
era addannatu di quannu nascìu:
vasannu ca lu fici s’arrassau
‘nmanu lu detti a lu populu riu.

Manc’unu si cummossi a pietati,
tiranu pp’i capiddi a la canina,
essennu tutti di na vuluntati,
-Strascinatilu! Chi havi ca nun camina?
Gridanu a Gersalemmi pì li strati:
-L’amu truvatu a cu’ misi ruvina!
Spiavanu: -Unn’è ca lu purtati?-
-Nni Caifassu, quantu ca lu samìna!-

Caifassu a Gesu Cristu l’assurbìu
ccu li manu ligati ‘nginucchiatu,
chi macula vo’ aviri un giustu Diu,
d’essiri nettu e puru di piccatu?
Po’ quannu a lu barcuni comparì,
ci dissi: -A st’omu l’haju ‘ntrinsicatu
‘ccussì truvati ‘nforma vi dicu jiu,
murennu st’omu lu munnu è sarvatu.

C’un cori affisu a Gesuzzu si traru
e ‘ncasa di Pilatu fu purtatu;
arrivannu ca ficiru, gridaru:
Pilatu c’affaccià, l’hannu chiamatu,
dissiru: Olà! – E Gesuzzu c’ammustraru:
-Avemu st’omu di curtu purtatu.-
Iddu ci spìa si lu cunnannaru:
-Gnurnò, sarà pì vui giustiziatu!-

E Pilatu ad Erodi lu mannau;
chiddu ch’era lu tuttu, accunsintìa,
e macari a lu so figliu ammazzau
pp’a mala vuluntati ca c’havìa
arrivanni, a Gesuzzu lu spugghiau
cu na grann’ira e granni radumìa;
cu na vesta di russu l’ammustrau,
po’ lu detti ‘mputiri a li Judìa.

Ci dissi: – Ora attinniti a caminari;
cu ssa vesta di re è cunnannatu,
e si di n’autra vesta vi cumpari,
pari di nova forma giudicatu,
arrivannu ca fa, l’hat’acchianari
avanti u tribunali di Pilatu;
e si Pilatu ‘un lu vo’ cunnannari
di lu so’ offici uni sarà livatu.

Misiru a caminari arrabbiatu
Petru davanti di la cumpagnia;
ci ‘nfrunta na dunzella di Pilatu,
ci dici: – Susu parlanu pì tìa. –
Pilatu ca lu ‘ntisi l’ha chiamatu:
-Veni ccà, vecchiu di la Cananìa;
Canusci st’omu? – Gnurnò – ci l’ha nigatu;
tannu dissi ca a Diu ‘un lu canuscìa!

Tannu tri voti lu gaddu cantau,
e Petru di l’erruri si pintìu:
Pirdunu a Gesù Cristu addimannau:
-Pirdunatimi vui, Signuri Diu.-
Allura di l’offisa s’amminnau
‘nanti a misericordia di Diu;
Giuda, ch’era ‘stinatu, si dannau
a li profunni abissi si ni jìu!

Agghiorna lu santu Venniri matinu
la santa matri si misi ‘ncamminu.
La scontra san Giuvanni pì la via
ci dici: Unni jiti, Matri mia?
-Vaju circannu a Gesù Nazzarenu,
mi l’arrubbaru e nun sacciu cu fu.
-Va jiti ni li casi di Pilatu,
ca lu truvati ‘nchiusu e ‘ncatinatu!

‘Npalazzu l’acchianaru di Pilatu,
ligatu forti pì nun ci scappari,
stetti cinc’uri e menza ‘nginucchiatu,
e Pilatu lu misi a ‘saminari:
e la so’ spusa si l’havìa sunnatu,
ci dissi: -A st’omu nun lu cunnannari,
ca è lu re di gloria calatu;
sta, averti chi fa, nun ti dannari.

Si misiru a gridari a vuci forti:
-Siddu Pilatu st’omu nun cunnanna
dicemu tutti darreri li porti:
Erodi di li stati ni lu manna-,
Pilatu u ‘ntisi, e lu ligà ben forti
a la culonna cu voglia tiranna:
-Avemu a st’omu cunnannari a morti;
e sangu ca nun n’havi a nudda banna.

E di ddà stissa banna ‘un jeru arrassu,
‘nta lu palazzu di Pilatu stissu;
lu cori avìanu cchiù duru d’un sassu,
dicennu tutti: -Fragillamu a chissu!-
Di la morti di Diu tinìanu spassu,
era di tutti cadutu ‘ncummissu
nisciunu si muvìa di lu so’ passu,
gridannu: -Lu vulemu crugifissu!-

Chistu jè! Ecce Omu! peju lu vuliti
ca l’ossa di li carni su’ cascati?
Nun havi aspettu d’omu e lu viditi!-
Manc’unu si smuvìa a pietati!
-Faciti la cunnanna, vu’ faciti
quantu prestu ‘mputiri ni lu dati;
si a la cunnanna nun accunsintiti
Erodi vi ni manna di li stati.

Nun cura la cuscenza e lu sapiri
pp’ ‘un cadiri ‘ndisgrazia, Pilatu:
e pì dari ad Erodi ssu piaciri
nun si curava si murìa dannatu;
di po’ lu detti a l’Abbrei ‘mputiri;
si ni lava li manu, e ci l’ha datu;
la perba accuminzaru tutti a diri:
-La cruci è pronta; a morti è cunnannatu!

Gesuzzu era ligatu e caminava,
a lu munti Carvaniu si ni jìa:
‘ncoddu na cruci pisanti purtava,
tuttu lu munnu ‘ncoddu lu tinìa;
e ‘gnadunu di chiddi ca ci trava,
pì vidiri cu cchiù corpu facìa,
chi rimuttuna! La cruci gravava!
A ogni du’ passi, tri voti cadìa.

Si partìu Maria la scunzulata,
Giuvanni, Nicodemu cu Mattìa,
eranu misi ‘nmenzu di ddà strata,
unni l’Eternu Diu passari havìa;
passa l’Eternu Diu ‘nmenzu dd’armata,
la santa Matri vidri lu vulìa,
era di sangu la facci allagata,
era so Figliu e nun lu canuscìa!

-Ti chiangiu, caru Figliu, ubbidienti,
a stu puntu la mamma t’addivau?
Si’ ‘nmenzu di l’Abbrei scunuscenti!-
Maria quannu lu ‘ntisi assimpicau,
la Vronica si partì amurusamenti
cu lu velu la facci ci studia,
lu santissimu visu risbrannenti
la riforma a lu velu ci lassau.

Gesuzzu lu purtaru a lu Carvariu,
unn’eranu ddi cani d’avirseriu;
lu misiru a la cruci senza sbariu,
p’iddu nun ci fu nuddu rifrigeriu;
tutti curreru contra l’avvirsariu
ca c’era ddà lu ‘ngiustu e malu ‘mperiu;
ma di muriri Diu fu nicissariu
pì purtarinni tutti a lu so ‘mperiu.

Cu disideriu e bona vuluntati
s’abbrazza a chidda cruci signurali,
unni pusari ddi carni sagrati,
lu vosiru a so’ vista fragillari.
Travanu cumu cani arrabbiati
pp’ ‘i pedi, pp’ ‘i manu, pp’agghicari
c’hannu appizzatu tri chiova spuntati
pì dari cchiù duluri a lu passari.

Lu cori ci niscìa, l’addimannau,
dissi: Sizziu! A sesta l’autu Diu;
ci dettru oppiu e acitu e lu pigghiau;
si lu pigghiau pì l’amuri miu!
‘Mpintu a li labbra l’oppiu ci ristau,
l’acitu pp’arrifriscari ci sirvìu,
tutti di vina ‘nvina lu tagghiau,
fu turmintatu fina ca murìu.

Si partìu Maria la scunsulata
quann’era ‘nfini e pocu sciatu havìa:
-Binidicitimi, Mammuzza amata,
moru e vi lassu a Giuvanni pì mia.
Maria a la cruci si tinìa abbrazzata,
unni lu sangu lavini facìa;
l’occhi a la cruci, sicca e spaventata,
e vitti lu so Figliu ca finìa.

Maria a la cruci facìa gran lamenti:
-Ti tinisti a me’ Figliu, ci dicìa,
ca ji lu fici e tu lu teni ‘nmenti,
si’ nova mamma, chiamata Maria,
dammi na parti di li to’ turmenti,
quann’ ‘un viju a me’ Figliu, viju a tìa,
sarannu aguali e to’ li finimenti
Gesuzzu mortu e divisu di mìa.

Pì dari pena a vu’, Patri amurusu,
lu cecu na lanciata v’ha tiratu;
vi detti un corpu tantu piatusu,
v’ha apertu lu santissimu custatu!
‘na stizza di lu sangu priziusu
c’jìu ‘ntra l’occhi e la vista c’ha datu,
vitti lu munnu tuttu luminusu
si pintìu e ci detti u regnu bìatu.

Cristu sinnu a la Cruci Mari’ vinni
cu Marta, Maddalena e San Giuvanni;
ca jiu la mamma, a vidiriti vinni
ca ‘ncruci t’hannu misu chissi tranni,
piglia ssà scala ca me’ Figliu scinni,
quantu ci vasu li sagrati carni.
Comun un vogliu chiangiri, amici digni,
ca un Figliu persi di trentatrianni?

Lu scinniru d’a cruci e l’hannu datu
‘mbrazza a l’addulurata di Maria,
idda lu chiangi, Figliu duci, amatu,
cunfortu di la mamma, o vita mia!
Gigliu di gloria, stinnardu aduratu,
quannu ‘ncapu a li vrazza ti tinìa;
ora ti viju tuttu sfracillatu
mortu, senza favuri, a la stranìa.

Maria da lu Carvaniu si partìu,
Giuseppi e Nicodeu l’accumpagnau
e a lu monumentu si juncìu
pì sepelliri ddu corpu sagratu.
Lu corpu di Gesù si sipillìu,
l’affritta di Maria sula arristau;
la pupidda di l’occhi la pirdìu,
pì cumpagnu Giuvanni c’arristau.

Stari nun pozzu senza lu to’ ajutu,
comu mi lassi, Figliu duci, amatu!
E mannamillu tu quarchi salutu,
lu munimentu sia raccumannatu.
Allura u munimentu s’ha affrutu
la sipultura s’apri e ‘un s’ha truvatu,
ca ‘nforma d’omu a la cruci ha murutu
e cumu veru Diu ha risuscitatu.

Lodamu a Diu Cristu onnipotenti,
ca iddu si purtà li Patrissanti;
angili e santi filici e cuntenti,
ca fannu fenti cu giubili e canti.
Aduramu du specchiu risbrannenti,
godinu ‘nParadisu triunfanti
e lu Cifaru ‘nfilici e scuntenti
discacciatu di Diu ‘ntra peni tanti.

Cristu p’amari a nui la vita sfici,
pì dari all’omu Paradisu e paci,
Diu ni manteni, Diu ni binidici,
pì tutti li so’ regni ni cumpiaci:
ora accustamu facemmuni amici
‘vanti l’Eternu Diu, Patri di Paci!
Vo’ sapiri sti parti cu’ li fici?
Fu lu pueta Deca Niculaci.


Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: