[Ebrei a Castiglione. 1491. Processione del Crocifisso. Uccisione del Rabbino Bitone. Decreto del re Ferdinando in favore dei fratelli  Andrea e Bartolomeo Crisi]

a) VINCENZO SARDO SARDOCastiglione città demaniale e città feudale. Sue vicende storiche attraverso i secoli, (Con Proemio di F. NICOTRA), PALERMO, Tipografia DOMENICO VENA, 1910, pp. 67-69:

“[Capitolo VI. (Seguito del precedente). Capitolo V. Svevi, angioini, aragonesi].

[67]III. Un periodo di calma seguì ai trambusti, che per tanti anni afflissero Castiglione subiva tacitamente il giogo feudale, ma nulla di rimarchevole, troviamo fino al 1491.

In ogni tempo, il popolo di Castiglione ha mostrato di essere liberale e risoluto, e per nulla propenso a subire sorprusi da chicchessia, e tanto meno a rendersi strumento dell’altrui malizia e prepotenza.

Sullo scorcio del dominio di Perruccio Gioeni, regnando Ferdinando II detto il cattolico, accadde un avvenimento di tale importanza, che per il suo felice esito (sebbene avvenuto in modo tragico) recò gran bene non solo alla baronia di Castiglione, ma a tutto il regno di Sicilia e di Spagna ancora.

Questo fatto è vivo tutt’ora, nella tradizione del popolo di Castiglione che indica la località dove esso avvenne.

Esisteva in Castiglione, come ci fa apprendere il professore Salomone(2) «un comunità di ebrei che avevano la loro sinagoga e il ghetto sotto la parrocchia di S. Giuliano».

Pare che buoni rapporti di comunanza non dovessero esistere fra gli ebrei ed i cattolici, apostolici, romani di Castiglione. E ciò, tanto per la diversa religione da essi praticata, quanto per naturale antipatia verso gli ebrei, fomentata dal disposto del parlamento tenuto da re Federico III in Piazza nel 1296, col quale escludeva essi ebrei «dal conversare coi nostri fedeli» e gli proibiva l’esercizio dei publ-[68]blici uffici; e perdurando nei loro errori, li obbligava portare appeso al petto un bastoncino rosso, lungo un palmo, per essere distinti dai fedeli(1).

Questo rigorismo legale, teneva gli animi dell’una  e dell’altra parte in grande tensione, e in ogni circostanza non lasciavano di insultarsi e anco di bastonarsi reciprocamente.

Serie furono le conseguenze per gli ebrei nell’accaduto che ci apprestiamo a narrare:

«Nell’anno 1491 il dì delle rogazioni, conducendosi processionalmente nella città di Castiglione il SS. Crocifisso, ove che il divoto popolo venne a passare dinanzi la casa di Bitone sommo sacerdote dei giudei(2), gittò questi dalla finestra un sasso, che direttamente colpì il Santo Cristo e troncogli un braccio. Sollevatai a tale sfrontatezza ed empietà in tumulto la pia gente, e particolarmente Andrea e Bartolomeo Crisi fratelli, ne fecero immantinente le vendette, con la uccisione del sacrilego uomo(3). I quali poi portatisi in Ispagna dinanzi al trono del re, non solo restarono prosciolti da quelle pene alle quali voleva soggettarli l’immatura risoluzione presa dai regi ministri, ma vennero di più dallo stesso monarca lodati ed abilitati alla domanda di gradevoli grazie. Tra le quali quella fu ch’eglino con preghiera accompagnata da lagrime, sovra ogni altra cosa domandarono, cioè: che fossero gli ebrei sfrattati con perpetuo esilio dalla Sicilia, da tutti insieme i regni di Spagna, conforme seguì nell’anno appresso, regnando il religiosissimo re Ferdinando II detto il [69] cattolico, il quale pieno di quell’eroismo, che suole infondere nel petto di un pio monarca il rispetto per la religione, ad umile ardentissima preghiera di Andrea e Bartolomeo Crisi siciliani, e col consiglio di tutti i supremi suoi ministri, si determinò a scacciare da tutti i suoi regni quanti ebrei vi si trovassero, di qualsiasi stato e condizione, uomini e donne, vecchi e fanciulli, ricchi e poveri, così abitatori di città come di villaggi ovvero di feudi ecclesiastici; e a 31 marzo 1492 emanava da Granaa il abndo di espulsione»(1).”

b) GIOVANNI DI GIOVANNIL’Ebraismo della Sicilia, (Ricercato, ed esposto da –. Canonico Della Santa Metropolitana Chiesa di Palermo; ed Inquisitor Fiscale della Suprema Inquisizione di Sicilia), In PALERMO, Nella Stamperia di GIUSEPPE GRAMIGNANI, MDCCXLVIII, pp. XX + 420. f0ba6eb988

Indice dell’opera:

“[XIII] TAVOLA

Delle Parti, e Capitoli dell’Opera.

PARTE PRIMA

I. Dell’origine, ed avanzamento degli Ebrei della Sicilia.                                                                                 I.

II. Della moltitudine degli Ebrei della Sicilia.                                                                                                   19.

III. Gli Ebrei della Sicilia non sempre obbligati ad abitare ristretti nel Ghetto.                                     22.

IV. Del segno, che i Siciliani Ebrei era’obbligati a portare, e del Custode d’esso.                                  29.

V. Gli Ebrei della Sicilia avevano fra loro comuni le grazie, e partecipavano de’ privilegj de’ Cristiani.                                                                                                                                                                       42.

VI. Delle gravezze e pesi, che portavano gli [XIV]stessi Ebrei: e della scomunica, che si fulminava contra i morosi debitori.                                                                                                                                          49.

VII. I medesimi Ebrei, come obbligati a venire nelle Chiese de’ Cristiani: a santificare le loro Feste: e ad ascoltare la predica dell’Oratore di nostra Fede.                                                                                        61.

VIII. Delle Feste, e Ferie degli Ebrei della Sicilia.                                                                                            69.

IX. Se agli stessi Ebrei era permesso tenere Schiavi, e Servidori.                                                                75.

X. Il possesso de’ beni stabili come e quando loro conceduto.                                                                     84.

XI. Se fosse lecito agli accennati Ebrei fare i Giudici, i Testimonj, ed i Medici.                                      88.

XII. Del passaggio in Sicilia degli Ebrei Provenzali, e d’altri dell’Africa.                                                  95.

XIII. Della fuga, ch’alcuni Siciliani Ebrei tentarono verso Gerusalemme: della pena che [XV]ne pagarono: e delle condizioni sotto le quali si prescrisse, di potervi andare.                                            98.

XIV. Si cerca in chi residesse la podestà di giudicare gli Ebrei della Sicilia.                                          102.

XV. Del Dienchelele degli stessi Ebrei, e della sua autorità.                                                                       109.

XVI. Del magistrato de’ Proti, e della loro elezione e podestà.                                                                   115.

XVII. Degli altri magistrati Secolai de’ Siciliani Ebrei.                                                                                120.

XVIII. De’ Sacerdoti, e Sommi Sacerdoti de’ medesimi Ebrei.                                                                   128.

XIX. De’ Rabbini,e degli altri ministri di Religione dell’Ebraismo di Sicilia.                                         133.

XX. Delle Sinagoghe de’ medesimi Ebrei.                                                                                                        137.

XXI. De’ luoghi di Purificazione, e de’ Cimiterj, che tenevano gli stessi Siciliani Ebrei.                    152.

[XVI]XXII. Se le usure furono mai permesse agli Ebrei della Sicilia.                                                      158.

XXIII. Seria destinazione di un’appostolico e regio Commissario per inquisire sopra le cattive operazioni de’ Siciliani Ebrei.                                                                                                                              162.

XXIV. Delle scelleratezze, empietà, e misfatti degli stessi Ebrei.                                                             164.

XXV. Varj tumulti de’ Siciliani contra gli Ebrei.                                                                                             179.

XXVI. Del generale scacciamento degli Ebrei dalla Sicilia.                                                                        194.

XXVII. De’ Neofiti, a’ quali fu risparmiata la pena dello sfratto.                                                             229.

XXVIII. D’alcune notizie degli stessi Ebrei dopo il loro discacciamento dalla Sicilia.                        238.

[XVII] PARTE SECONDA.

I. Degli Ebrei di Palermo.                                                                                                                                     246.

II. Degli Ebrei di Messina.                                                                                                                                    259.

III. Degli Ebrei di Catania.                                                                                                                                   266.

IV. Degli Ebrei di Siracusa.                                                                                                                                  276.

V. Degli Ebrei di Girgenti.                                                                                                                                    289.

VI. Degli Ebrei di Trapani.                                                                                                                                   298.

VII. Degli Ebrei di Cefalù.                                                                                                                                     305.

VIII. Degli Ebrei di Mazara.                                                                                                                                 307.

IX. Degli Ebrei di Sciacca.                                                                                                                                     309.

[XVIII] X. Degli Ebrei di Noto.                                                                                                                             316.

XI. Degli Ebrei di Calatagirone.                                                                                                                           319.

XII. Degli Ebrei di Termini.                                                                                                                                  324.

XIII. Degli Ebrei di Marsala.                                                                                                                                328.

XIV. Degli Ebrei di Lentini.                                                                                                                                  336.

XV. Degli Ebrei di Castrogiovanni.                                                                                                                    339.

XVI. Degli Ebrei di Naro.                                                                                                                                      342.

XVII. Degli Ebrei dell’Alicata.                                                                                                                              344.

XVIII. Degli Ebrei di Nicosia.                                                                                                                               346.

XIX. Degli Ebrei di Polizzi.                                                                                                                                   348.

[XIX]XX. Degli Ebrei di Taormina.                                                                                                                    353.

XXI. Degli Ebrei di Piazza, di Calatascibetta, e di Randazzo.                                                                    361.

XXII. Degli Ebrei di Mineo, e di Vizini.                                                                                                             364.

XXIII. Degli Ebrei del Monte di San-Giuliano.                                                                                              367.

XXIV. Degli Ebrei di Salemi, di Corleone, d’Augusta, e di Castronuovo.                                                370.

XXV. Degli Ebrei di Castro-Reale.                                                                                                                     373.

XXVI. Degli Ebrei di Milazzo, e di Santa-Lucia.                                                                                           377.

XXVII. Degli Ebrei di Paternò, e di Castiglione                                                                                              379.

XXVIII. Degli Ebrei di Palazzolo, di Bivona, di Ciminna, di Caccamo, di Geraci, e di Giuliana.                                                                                                                                                                                                     382.

[XX]XXIX. Degli Ebrei di Militello, di Modica, di Adernò, e di Calatanissetta.                                    385.

XXX. Degli Ebrei di Calatabillotta, e di San-Marco                                                                                     388.

XXXI. Degli Ebrei di Cammarata,di Naso, di Alcamo, e di Ragusa.                                                         393.

XXXII. Degli Ebrei di Ragalbuto, dell’Alcara, della Piana de’ Greci, e di Savoca.                                397.

XXXIII. Degli Ebrei di Malta, del Gozzo, e della Pantellaria.                                                                    400.

Incipit del c. I della Parte Prima:

“[1]Compita che fu la misura delle scelleratezze degli Ebrei; così profondamente caddero dal cuore di Dio, che perdendo l’onorevole titolo di suo popolo diletto, incorsero l’obbrobrioso nome di nazione perfida, rubelle, e maledetta.”

“CAPO XXVII.

Degli Ebrei di Paternò, e di Castiglione.

[379]I.  Poicchè abbiamo già trattato delle Giudaiche comunità di Braccio Demaniale, cioè a dire di quelle città, che immediatamente soggiaccioni alla signoria del Monarca, ci facciamo a ragionare dell’altre comunità di Braccio Militare, vale a dire di quei luoghi, i quali oltre riconoscere il Sovrano per principale Signore, stanno tuttavia sotto il dominio de’ Baroni. Ed in tessendo la loro storia, terremo lo stess’ordine, che abbiam tenuto nello esporre la storia delle suddette città Demaniali: [380]con dare a ciascheduna città, o terra quel medesimo luogo, che il suo Barone ottiene nel general Parlamento. E camminando con questo ordine, cominceremo da Paternò, e da Castiglione: non perchè sieno i più antichi titoli della Sicilia;          ma perchè in Butera, Castelvetrano, e Pietrapercia, che li precedono, non sappiamo di certo, che vi fossero stati degli Ebrei.

[Descrizione di Paternò, e di Castiglione.]

I. La città di Paternò è posta al quanto lungi dalla città, e mare di Catania, nelle falde del celebre Mongibello, fabbricata dal Conte Roggiero, affinchè potesse agevolmente assediare, e vincere i Saracini, che nella stessa città di Catania si erano fortificati: benchè non manchi taluno, che voglia a Roggiero dare solamente la gloria d’aver ristorata, non già fondata questa città; pretendendo, d’esser’ella la stessa, che sotto il nome d’Ibla si ritrova presso gli antichi Scrittori. La città poi di Castiglione, è situata nel Val-Demone, dentro la diocesi di Messina, sotto lo stesso Mongibello, non molto lontana da Taormina, la quale contiene quasi la terza parte di abitanti, che contiene Paternò.

[Ebrei delle suddette città.]

E per entrare a discorrere del nostro argomento, diciam, che ci mancano affatto le antiche memorie dell’Ebraismo di paternò, e di Castiglione: e però bisogna venir di salto agli ultimi tempi. Questa mancanza di notizie è stata forse cagionata dall’essere state ambedue città di quelle, che [381] in tempo del Re Martino, giusta la relazione del Surita, furono assegnate pel patrimonio della Regina, e perciò vennero chiamate di Camera Reginale; le quali avevavo ufiziali a parte, e libri ancora diversi, che non sono stati conservati sino a’ giorni nostri con uguale diligenza, che si sono mantenute le regie scritture, spettanti all’altre città del regno. Esponiam dunque quelle poche memorie, che di queste comunità si ritrovano.

Oltre alle scritture, che trattano dello sfratto di questi Ebrei, delle quali non è di necessità ripeterne il discorso, come di quelle, che altrove sono state diffusamente esposte, il fatto dello scellerato Bitone Sommo Sacerdote resta quì di cennare per la comunità di Castiglione; il quale perchè l’anno MCDXCI, si mostrò irriverente col Crocifisso, da quella divota gente condotto in processione, ne fu subito fatto morire; e l’attentato come servì per uno de’ motivi di pubblicarsi l’editto dello sfratto degli Ebrei; così somministrò una grande materia, per illustrare noi i Capitoli XXIV. e XXVI della Parte prima; ove rimettiamo il curioso Leggitore, trovandolo ivi esposto con tutta quella estenzione, ch’esigeva la gravità dello argomento.

Un altro parimenti fatto abbiam per illustrare la comunità di Paternò, occorso l’anno d’appresso MCDXCII. Pubblicato come fu l’editto della general’espulsione degli Ebrei dalla Sicilia; eglino posero tutto lo studio affi-[382]ne di nascondere la roba, che possedevano, ad onta delle tante sagge provvidenze, ch’allora si seppero pensare da’ regj Ministri, per impedirne la frode. Uno di codesti fraudolenti Ebrei sene ritrovò in Paternò(a); il quale, non prezzando il regio divieto, trasportò furtivamente della roba sua fuori del regno, e fra le altre cose vi condusse uno schiavo, che poi fu preso, e venduto per conto della regia Corte.”

cfr. Parte Prima, cc. XXIV e XXVI.

[164] CAPO XXIV.

Delle scelleratezze empietà, e misfatti degli stessi Ebrei.

 [Il solo Ebraismo lede più che tutte l’altre sette.]

Non havvi setta nel mondo, che tanto leda, e dannifichi il Cristianesimo, quanto quella degli Ebrei: perchè niuna nazione la più perfida che sia, odia o persequita la verità tanto confessata da’ Cristiani, quanto l’odiano, e persequitano gli Ebrei: giusta la saggia osservazione di S. Agobardo, testimonio di veduta nel libro, ovvero pistola, ch’egli scrisse all’Imperatore Lodovico Pio delle superstizioni Giudaiche(a).

Imporecazioni degli Ebrei contra i Cristiani.

Gli Ebrei adunque non odiano i Cristiani con moderazione, come fanno i Pagani, gli Eretici, gli Scismatici, ma con rancore strabocchevole ed intestino. Insegnano nel loro Talmud, ch’ad essi si convenga il nome d’uomini, ed a’ Cristiani quello di bestie. Non solo ne’ giorni d’adunanza nelle Sinagoghe, ma in tutt’i giorni dell’anno ogni qualsiasi persona in particolare, solo che sia arrivata all’età di discernimento, senza distinzione, ne di sesso, ne di condizione(b), viene obbligata [165] di pregar Iddio ben tre volte il giorno, che abbomini gli stessi Cristiani, da loro chiamati Apostati, ed Eretici: che non conceda loro spazio di penitenza: e che per essi sia tolta ogni speranza di salute. E tutti ‘l fanno con una stessa formola di parole, che si dice disposta da Rabbi Gamaliele poco avanti la distruzione di Gerusalemme. La qual preghiera fu aggiunt’alla loro più solenne orazione, chiamata Shemoneh Eshre, o le dicidotto preghiere d’Esdra, che s’offeriscono a Dio la mattina, verso il mezzogiorno, e la sera.

I Cristiani non possono unirsi insieme cogli Ebrei.

Quindi piuttosto si potrebbero accordar insieme la luce e le tenebre, l’agnello ed il lupo; che potessero mai arrivare a formar tra loro una lega sincera, ed una tranquilla unione i Cristiani e gli Ebrei: e con ragione, mercè che tengono giustamente i primi per vero Dio Signor e Redentore del mondo, quello stesso Gesucristo, che gli altri dilegiano sprezzano, e si gloriano di avere barbaramente fatto morir crocifisso.

Gli Ebrei vogliono dar legge a’ Cristiani.

Ed in vero per quanto si studjno i Sovrani a tenere ne’ loro stati questa gente, come schiava da catena; hanno tuttavia eglino tale superbia, che come dopo altri, avvertì S.Agostino(a), giungono nella stessa cattività a volere con le loro male arti rendersi superiori alle nazioni dominanti: ed a questo proposito nel suo Itinerario cantò bene Rutilio Caludio:

[166] Atque utinam nunquam Judaea subacta fuisset Pompeii bellis, imperioque Titi,  Latius excisae pestis contagia serpunt, Victoresque suos natio victa premit.

Il carattere della perfida nazione

Alla superbia aggiunge l’Ebraismo l’ostinazione, le trufferie, i rigiri, le frodi, gl’inganni, le ribalderie, le malvagità, i maleficj, e mill’altre sclelleratezze d’ogni sorta, che ‘l Sessa(a) restrinse in questi pochi versi:

Gens contemptibilis, faetens, obscena, ribalda,

Pestifera, infamis, neglecta, abjectaque, vilis,

Sordida, avara, tenax, maledicta, exosa, rebellis.

Impia, prava, rapax, indigna, invisa, superba,

Probra, vituperiis turpis, scelerata, & iniqua,

Dedita flagitiis, infensa, inimica bonorum,

Gens assueta dolis, truffis, ac fraudibus apta,

In qua nulla fides, nunquam servatur honestum,

Quae spernit Juris leges, nil respicit aequum, 

Quae tandem genus omne mali uti pessima vincit.

[167] Gli Ebrei uccisero S. Marciano.

E per discorrere con ispezialità, come si conviene, della Sicilia, ben possiamo chiaramente dimostrare, aver la perfida nazione in tutte l’età che dimorò in essa, dato saggio di quell’occulta malivoglienza, che nutrisce in petto verso i Cristiani. Veggiamolo distintamente. S. Marciano primo Vescovo e Martire di Siracusa, ed uno degl’uomini Appostolici, che vennero nel primo secolo di Gesucristo a predicare la sua Santa Fede nel medesimo regno, non da altri, che dagli stessi Ebrei, fu fatto morire(a).

Scelleratezze di Nasa.

VII. Il Sommo Pontefice S.Gregorio Magno, come altrove riferimmo(b), attesta, essersi a’ giorni suoi ritrovato nella Sicilia un Ebreo, per nome Nasa; il quale consacrò un altare al Profeta Elia, e seduceva i Cristiani a farvi con sacrilega superstizione delle adorazioni. E benchè sia grande il rispetto, che per questo Profeta ha conservato, e tuttavia conserva l’Ebraismo: credendo aver Iddio a lui, come al più zelante dell’osservanza del precetto della Circoncisione, conceduta la grazia di assistere invisibilmente a tutte le loro Circoncisioni; ch’è il motivo, onde nella stanza, la quale addobbano per tal funzione, vi collocano una sedia particolare, sopra la quale niuno ardisce sedere, persuadendosi, che nell’ora [168] della Circoncisione venga ad occuparla invisibilmente il Profeta(a).

VIII. Niente dimeno questo fatto dell’Ebreo Siciliano è assai particolare: giacchè si oppone a tutta la Teologia degli Ebrei; i quali si guardano dall’innalzare altari alle creature, credendo con questo mezzo di distinguersi da’ Cristiani, che dicono conformarsi in questa parte a’ Gentili; non sapendo gl’ignoranti, che noi fabbricando chiese, ed altari in memoria di alcun Santo, altri non intendiam adorare, che il solo Dio, cui per esser grate le nostre adorazioni, gliele presentiamo per mezzo de’ Santi che nominiamo, a lui cari ed accetti.

Empietà di Teodoro.

Per ritornare adunque all’ordine della Storia donde con util digressione ci partimmo, è da sapere, che l’accennato S. Gregorio testifica di più, ch’una divota femmina di Messina, chiamata Paola, soffriva grandissima molestia per causa de’ maleficj, che le venivan fatti da Teodoro Ebreo della stessa città. Tanto è vero, che le scelleratezze degli Ebrei ‘n quell’età molestavano grandemente i Siciliani, ch’arrivavano quest’in fin a ricorrere al Romano Pontifice, per venirne liberati.

Prestigj di Eliodoro

Ne’ tempi di S. Lione Vescovo di Catania, chiamato Taumaturgo, visse Eliodoro Ebreo, nella cui persona si vide quasi risorgere [169] il maligno spirito di Simone Mago(a). Tanti erano i prestigj, tant’i diabolici eccessi, per mezzo de’ quali portava egli grave detrimento, non solo agli abitatori di Catania, ma a tutt’i popoli della Sicilia, semplici allora, e molto creduli.

Delitto di tutta la nazione nel tempo de’ Saraceni.

Stando il medesimo regno sotto la tirannia de’ Saracini, maggiori furono le scelleratezze de’ medesimi Ebrei; i quali fidando nella buona grazia, in cui si ritrovavano appresso la barbara nazione dominante, furono tra’ prim’istigatori d’Akemo Signore d’Egitto: affinchè diroccasse egli ‘l tempio del santo Sepolcro, e perseguitasse crudelmente i Cristiani(b).

Degli Ebrei di Palermo sotto il Re Martino.

XII.  Ne’ secoli d’appresso, e particolarmente in tempo del Re Martino, l’Ebraismo di Sicilia, e con ispezialità la comunità di Palermo(c), sentendosi colpevole di molti delitti, mandarono due loro deputati al Monarca, che soggiornava in Catania; i quali impetrarono a favore della nazione un indulto generale pe’ delitti commessi dagli accennati Ebrei, trattine quelli di Eresia, ovvero ricadimento nel Giudaismo de’ Neofiti, di proditorio, d’assassinamento di strada, di monetario falso, o di lesa Maestà: i quali delitti, come gravissimi, si solevano per lo più accettuare in tutti gl’in-[170]dulti, che venivan accordati agli Ebrei: affinchè dalla difficoltà del perdono si concepisse la gravità della colpa.

Di que’ di Catania, e di Siracusa.

Un indulto affatto simile ottennero dal medesimo Sovrano gli Ebrei di Catania, e quelli pure di Siracusa, ritrovati rei delle stesse scelleratezze, che quelli di Palermo; conforme diremo, ove che ci toccherà a trattare specificatamente delle comunità degli Ebrei di Catania, e di Siracusa.

Di tutta la nazione regnando il Re Alfonso.

XIII.  Regnando poi il Re Alfonso, cioè a dire l’anno MCDXXX. furono gli stessi Ebrei ritrovati pieni d’eccessiva malvagità: benchè fu la speranza di rientrare in sestessi, e di rivolgersi dal male, fu loro risparmiata la pena(a) di tutti gli eccessi, e misfatti, eccettuati solamente quelli, che or ora esponemmo, i quali erano così enormi, che non meritavano perdonanza.

Altri nuovi delitti in tempo dello stesso Monarca.

XIV.  Non eran passati, che pochi anni da che era stata loro conceduta la rilassazione delle meritate pene, nella maniera già detta; ed ecco ritornarono a rinnovellare le antiche scelleratezze, abbandonandos’in cosiffatta maniera dietro le iniquità, che nulla peggio ne’ tempi d’avanti. Quindi non rispettavano le stringenti ordinazioni de’ Sommi Pontefici, Martino quinto, ed Eugenio quarto, continenti la comminazione di molte gravissime pene, tanto se si astenessero dal tenere commerzio co’ Cristiani nell’uso de’ bagni, ne’ con-[171]viti, nelle cure cirporali, nelle mezanie de’ matrimonj, ed in altri simili affari; quanto se presumessero di abitare fuori del Ghetto, di lasciare il segno a distinzione de’ Cristiani, di farsi servire da questi in qualunque bisogno, e di proferire bestemmie contra il santissimo nome di Gesucristo, e di sua madre la Vergine immacolata.

Il B Giovanni Capistr. viene in Sicilia contro gli Ebrei.

Perciò il Sommo Pontefice Niccolò quinto uscì fuori una nuova bolla, confirmante quelle de’ suoi predecessori Martino ed Eugenio; ma avendo dall’esperienza imparato nulla giovare le buone Leggi, quando che manca  chi faccia cadere sopra di se la cura, che s’osservino, pensò con l’alta sua mente eleggere Inquisitore contra gli Ebrei e Saracini il Beato Giovanni da Capistrano, in cui risedeva dottrina e zelo, per condurre a fine il religioso desiderio. Il quale Beato Giovanni conoscendo, l’Ebraism’operare a briglia sciolta nella Sicilia peggo, che ‘n ogni altra parte del mondo, quivi volle a prima giunta portarsi, ove fu dal Re Alfonso con onorevolezza accolto, e dalla regia autorità premunito: affine di poter ovviare ad ogni disordine proveniente dalle ardite trasgressioni dell’ostinata nazione. E così ‘l servo del Signore con diligenza uguale all’appostolico suo zelo speditamente eseguì, giusta la testimonianza del Barberio scrittore della vita del medesimo Beato Giovanni(a).

]172] Altro Commissario contra gli Ebrei.

Ognuno facilmente crederebbe, che gli Ebrei della Sicilia osservando tanta, e tale vigilanza de’ superiori sopra i loro andamenti, avessero avuto difficoltà, ad abbandonarsi altra volta dietro le antiche loro scostumatezze; e pure appen’era scorso un anno dalle provvidenze date dal Capistrano, che gli stessi Ebrei, mettendo tutte le sagge ordinazioni in alta dimenticanza, se non anzi in disprezzo e derisione, di nuovo in cosiffatta maniera insolentirono, quanto bisognò, che venisse serio nella Sicilia un appostolico e regio Commissario se non più zelante nè più dotto, certamente non men forte, e men risoluto del primo: acciocchè ristaurasse le perdite del Cristianesimo riportate dalle male arti degli Ebrei. Della quale destinazione avendo noi ragionato di proposito nel capitolo precedente, non fa d’uopo, che quì lungamente ci trattenghiamo.

Rinnuovan le scelleratezze in tempo del Re Alfonso.

XVI.  Non sembra credibile, e pure è vero, che gli Ebrei tanto già si fidavano della clemenza de’ Re della Sicilia, ch’in tempo dello stesso Re Alfonso tornarono con la costumata sfrontatezza alle medesime colpe di prima, avverandosi bene quello, che insegna l’esperienza: che la facilità del perdono rende pronti i colpevoli, a ritornare agli antichi errori. Di fatti perchè l’accennato Monarca divenne a porre in dimenticanza, ed a condonare a pieno i nuovi delitti degli Ebrei, in virtù d’un [173] diploma(a) di perdonanza, spedito il dì 11 Agosto dell’anno MCDLII. eglino male abituati nelle iniquità, ritornarono ben presto, per così dire, quali cani al vomito, con ricondursi all’antiche ribalderie.

Fanno le stesso regnando il Re Giovanni.

XVII.  Regnando poi il Re Giovanni fratello d’esso Alfonso, furono gli Ebrei della Sicilia, e particolarmente quelli di Palermo, e di Messina, accusati, e convinti, non solo di operare per se, ma d’insegnare ad altri in voce, ed in iscritto dottrine empie false, e diaboliche, contra Gesucristo, Signore e Redentore nostro, e contra i Santi, particolarmente contra la Madonna Santissima(b). Condannati perciò alle fiamme i primi maestri dell’empietà, si perdonò al di più de’ delinquenti in grazia di grosse somme di danaro da loro proferte.

Ritornano a commettere le stess ribaldarie.

XVIII.  Ma peggio fu per gli stessi Ebrei, ch’allora non si prendessero le giuste vendette contra tali loro abominabili empietà; giacchè per la fidanza del perdono arrivarono di nuovo a presumere arditamente le costumate ribalderie: in tal maniera, che non contenti aglino di commettere gli eccessi, seducevano altresì i Cristiani a far lo stesso. Non bastò loro d’avere in disprezzo Gesucristo, vollero di vantaggio, ch’egli fosse ancora disprezzato da-[174]gli stessi Cristiani. Il che tanto prima pur il notò S. Giustino Martire(a), il quale esponendo l’indole degli Ebrei, rinfacciò a Trifone dell stessa setta. E da venire quel Gesù, il nome del quale voi e profanate, e fate che fosse in tutto il mondo profanato.

Così pure in tempo del Re Ferdinando.

XIX.  Di ciò anche ne diede una chiara testimonianza lo stesso Re Ferdinando II. nel suo editto dell’espulsione de’ medesimi Ebrei, assicurandoci, che s’eran allora ritrovate più e più persone del nome Cristiano indegne: le quali per opera d’essi Ebrei dimenticatisi della buona sorte loro toccata, col nascere nel paradiso di Santa Chiesa, invece d’imitare i costumi, e l’eminenti azioni de’ lor avoli, ardivano anzi troppo mal consigliati, a commettere gli errori degli stessi Ebrei: facendo quanto mai può suggerire lo spirito seduttore di cotale perfida nazione: infin ad arrivare a maledire con sacrileghe nefande abominevolissime bestemmie il santissimo nome di Gesucristo Salvatore di tutto il mondo. Per gastigare appunto un sì enorme delitto, già si mandò serio nella Licata l’Inquisitore Padre Maestro Salvo dell’Ordine de’ Predicatori, con ispeziale incarimento, agli ufiziali di quel luogo, perchè gli dessero assistenza nell’esecuzione della giustizia, da farsi con tutto rigore ad esempio degli altri.

Ci siamo fin quì contentati di ragio-[175]nare generalmente de’ delitti degli accennati Ebrei, senza discoprire ad uno ad uno i loro mostruosi eccessi; pensiamo ora esporre per lo meno due soli fatti pieni d’eccessiva malvagità, e bruttura; da’ quali potrà ognuno dedurre da sestesso tutto il resto.

Disprezzi da loro fatti al Crocifisso.

Nell’anno MCDXCI, il dì delle Rogazioni, conducendosi processionalmente nella città di Castiglione il santissimo Crocifisso, ove che il divoto popolo venne a passare dinanzi la casa di Bitone Sommo Sacerdote de’ Giudei, gittò questi dalla finestra un sasso, che direttamente colpì il santo Cristo, e troncogli un braccio. Sollevatasi a tale sfrontatezza, ed empietà in tumulto la pia gente, e particolarmente Andrea, e Bartolomeo Crisi fratelli, ne fecero immantinente le vendette coll’uccisione del sacrilego uomo. I quali poi portatisi in Ispagna dinanzi al trono del Re, non solo restarono prosciolti da quelle pene, alle quali voleva soggettarli l’immatura risoluzione presa da’ regj ministri; ma vennero di più dallo stesso Monarca lodati, ed abilitati alla domanda di gradevoli grazie(a). Tra le quali quella fu, ch’eglino con preghiera accompagnata da lagrime, sopra ogni altra cosa istantemente domandarono: cioè che fossero gli Ebrei sfrattati con perpetuo esilio dalla Sicilia, e da tutt’insieme i Regni di Spagna; conforme seguì nell’anno d’appresso in quella [176]maniera, ch’esporremmo in suo luogo.

Crocifissione d’un fanciullo.

XXI.  L’altro esempio è quello degli Ebrei di Messina(a). Si trovava in quella città un grazioso fanciullo di buona indole dalla natura dotato; cui per portarsi dalla paterna casa al mercato, toccava a passare benespesso dinanzi al Ghetto degli Ebrei. Andava egli sovente, com’è uso di quella innocente età, cantando delle canzone spirituali, e più volte ancora l’antifona Salve Regina in onore di Maria Vergine. Una tale fanciullesca e devota semplicità ben servì a renderlo grandemente insopportabile ed odioso agli stessi Ebrei. I quali avendo pur troppo preso a noja, che uno Scechez, cioè a dire bestia, o cosa immonda [così sogliono chiamare i ragazzi Cristiani] ad onta della loro spiacevolezza, ripetesse così giornalmente le laudi della Madonna, s’ingegnarono di distornarlo dalla divota usanza con ingiurie e minacce, valevoli a metterlo in paura. Ma il fanciullo non ispaventandosi punto alle riprensioni fattegli dalla rea canaglia, entrò vie più nell’impegno di lodare la madre di Dio.

XXII.  Vedendo adunque gli Ebrei, che [177] niente si tenevano in conto i loro duri rimproveri, e le sozze villanie, si diedero a pensare di farne pagare con rigore la pena allo spiritoso fanciullo: sicchè la sera d’un venerdissanto il presero con destrezza, e dopo d’averlo crudelmente tormentato flagellato crocifisso, e trafitto con la lancia, in ugual maniera, ch’i loro maggiori in quel dì avevano fatto verso Gesucristo nostro Redentore, perchè restasse occulto il crudelissimo scempio, tosto il gettarono, ed il sommersero in un pozzo.

Miracolo, che discopre il delitto.

Ma che avvenne! Come l’acque furono tocche dal cadavere, tosto per virtù divina si cambiaron in sangue, e cominciaron a bollire con tal impeto, che uscendo fuori del pozzo, arrivarono sino a scorrere per la pubblica piazza. Accorsi a questo prodigio i ministri di giustizia, ritrovarono nuotare nel pozzo a galla dell’acque il cadavere del crocifisso fanciullo. Fattosi in tal maniera palese l’atrocissimo caso, e convinti dell’empio misfatto i delinquenti, furon per ordine della Regina Elisabetta fatti morire; e le loro teste per ispavento degli altri restaron esposte nel luogo del delitto; ove si pose pure a memoria de’ posteri una quanto breve, altrettanto espressiva iscrizione nella forma, che qui si rappresenta:

SIGNUM PERFIDORUM JUDAEORUM.

XXIII.  Questo marmo subito che dalla Sicilia gli Ebrei furono scacciati, i Messinesi il collocarono nella facciata del Duomo, ove noi lo abbiam veduto cogli occhi nostri proprj. Anzi [178] Placido Samperi(a), il quale scrisse l’anno MDCXLIV. ci riferisce, che a’ giorni suoi si mostrav’ a dito il pozzo sudetto dentro la casa de’ Padri dell’Oratorio, chiamandolo il Pozzo del Giudeo. Ed egli stesso ci fa sapere di più, come questa scelleratezza, sebben accaduta molto tempo prima, cioè a dire circa l’anno MCCCXLVII. lasciò nondimeno così viva la funesta memoria, ch’a cagion pur d’essa si determinò il Re Ferdinando II, di far eseguire la general’espulsione della cieca insieme, e perfida nazione: e però dopo d’aver egli esposto l’accennato lacrimevol racconto, immediatamente soggiunse: Per questa poi, e per altre molte scelleratezze furon da tutto questo regno scacciati tutti li Giudei da Ferdinando Re di Sicilia detto il Cattolico.

XXIV.  Col Samperi par ch’andasse d’accordo Paolo Medici di Firenze, già Ebreo, ed ora Cattolico Romano, così scrivendo(b). L’odio, che gli Ebrei professan a’ Cristiani non si può con parole bastantemente rappresentare. Potremo conghietturarlo dalle inique loro operazioni, e dalle frequenti uccisioni de’ fanciulli Cristiani, dagli strapazzi fatti al Crocifisso, e ad altre Immagini ne’ regni di Spagna, e di Portogallo, da’ quali per regio editto furono discacciati. Si comprova la relazione del Medici, toccante la scellerata usanza degli Ebrei [179] di crocifiggere, e martirizzare i ragazzi Cristiani con moltissimi esempj: uno de’ quali è quello del giovanetto S. Simone di Trento nell’anno MCDLXXV. crudelmente ucciso dagli Ebrei; del quale ne celebra la memoria il Martirologio Romano il dì XXIV. Marzo, e ne scrisse la storia del martirio Giovanni Tiberino autore di que’ tempi, pubblicata poi dal Surio(a).

CAPO XXV.

Varj tumulti de’ Siciliani contra gli Ebrei.

(…)

Tumulti in Caltagirone e in Castiglione.

XXVI.  Sollevossi nel medesimo anno un somigliante tumulto in Caltagirone(a). Altro nell’anno MCDCXI. sene suscitò in Castiglione coll’occisione di Bitone Sommo Sacerdote di quella comunità; siccome dicemmo già nel capitolo precedente. Altro però più universale, ed altresì lacrimevole ne sarebbe seguito per tutti gli Ebrei del regno, se il Vicerè d’allora non fosse prontamente accorso, con mettere prima gli Ebrei sotto la regia salvaguardia; e poscia con procurare, che presto si promulgasse l’editto del Re Ferdinando II. per l’espulsione de’ medesimi Ebrei, tanto da’ Siciliani desiderata; conforme chiaramente dimostreremo nel seguente Capitolo.

(…)

CAPO XXVI.

Del generale scacciamento degli Ebrei dalla Sicilia.

Il Re Ferdinando pensa di sfrattare gli Ebrei.

Stanco, per così dire, il religiosissimo Re Ferdinando II. chiamato il Cattolico, di sentire le querele portategli ognor dalla Sicilia, e da tutte le bande su le scostumatezze degli Ebrei; e pieno altresì di quell’eroico zelo, che suole infondere nel petto d’un pio Monarca il rispeto per la religione, ad umile ardentissima preghiera di Andrea, e di Bartolomeo Crisi Siciliani(a), e col consiglio ancora di tutt’i supremi suoi ministri, si determinò a scacciare da tutt’i suoi regni quanti Ebrei vi si ritrovassero di qualsiasi stato, e condizione, uomini e donne, vecchi e fanciulli, ricchi e poveri, così abitatori di città, come di villagj, ovvero di feudi Ecclesiastici.

Gli Ebrei s’ingegnano distornarlo dal santo proposito.

Prima intanto che si venisse a capo di questo glorioso disegno, fecero gli Ebrei(b) ogni loro sforzo, per guadagnarsi la grazia del Re. Ed ove lo sperimentarono costante nella intrapresa risoluzione, pensarono per mezzo di un’offerta di trentamila monete d’oro trovare un forte sostenitore della loro causa presso il religiosissimo MOnarca: giacchè mai hanno mancato quelli i quali posponendo alla reli-[195]gione il guadagno, sotto infinto zelo della ragione di stato, distolgono i Principi da que’ santi proponimenti, che risulterebbero in maggior esaltazione della nostra santissina Fede.

Il Torrecremata lo rafferma nella risoluzione.

III.  Questo procedimento degli Ebrei non fu così segreto, che non si fosse saputo da molti, ed in particolare dal venerabile Padre Fra Tommaso Torrecremata dell’Ordine de’ Predicatori. Questi temendo, che nel congresso tenuto dinanzi al Re, ed alla Regina Isabella, toccante l’ultima deliberazione dell’affare, non restassero ingannati i religiosi Monarchi dagli occulti difensori degli Ebrei, i quali avevano parte nel medesimo concilio: entrò improvvisamente in quella sala, ed alzatosi il mantello, trasse fuori l’immagine del Crocifisso, che di sotto nascondeva; e poi con invitto coraggio disse loro: Non bastò forse che questo Cristo fosse una volta comprato dagli Ebrei per trenta monete d’argento; ma fa d’uopo che pensaste di venderlo ancor voi agli stessi Ebrei, con maggiore prezzo sì, ma non con minore scorno? Queste parole atterrirono di modo i divoti Regnanti, che senza più fidarsi ne’ pareri altrui, non si partirono da quel luogo, se prima non si determinarono di pai consenso a fare prestamente eseguire il meditato scacciamento.

L’editto dell’espulsione.

Si dispose dunque l’editto del general perpetuo esilio; in virtù del quale vennero gli Ebrei costituiti colpevoli di molti delitti, e particolarmente dell’enorme misfatto d’avere subornati molti Cristiani ad allonta-[196]narsi dalla Fede di Gesucristo, per appigliarsi al Giudaismo; e di quello dell’eccessive loro usure, ch’arrivavan sino ad assorbire tutte le sostanze de’ Cristiani; conforme riferimmo ne’ Cap. XXII. e XXIV. di quest’istessa prima Parte.

Dichiarò di più nell’accennato editto il Sovrano, ch’essendo in suo podere il far cadere sopra gli stessi Ebrei quelle più dure pene, che corrispondevano alla gravità de’ delitti: cioè a dire quella della confiscazione de’ beni, e quella della morte de’ delinquenti; secoindo che prescrive la costituzione(a) degli Imperadori Teodosio, e Valentino, pubblicata nell’anno del Signore CDXXXV, purnondimeno volendo che il rigore dalla clemenza non andasse disgiunto, si contentava solamente del semplice loro scacciamento da tutt’i luoghi del suo reame: avvisandosi giudiziosamente d’aver già con questo mezzo appieno soddisfatto all’obbligo d’un saggio Regnante, ed insieme d’un ottimo Cristiano: posciacchè se bene con questa pena quasi si venissero a perdonare i delitti passati, tuttavia ben si riparavan gl’inconvenienti d’appresso, ch’eran l’unic’oggetto de’ religiosi suoi pensieri.

Termine prefisso per la partenza.

Perchè poi fosse la cosa tosto posta in opera, fu stabilito il tempo di soli tre mesi; scaduto il quale, ogni Ebreo che si fosse ritrovato, anche di passaggio, negli stati della corona di Spagna, issofacto si credesse incorso [197] nella pena della perdita della vita, e con la vita di tutti ancora i beni. Sotto la stessa condannagione venivan pure compresi quei prosuntuosi Cristiani, i quali a sorte si fossero voluti mostrare fautori de’ medesimi Ebrei, col dare loro ricetto, o comodo alcuno per contravenire alla regia ordinazione. Affinchè però gli Ebrei caduti già dalla grazia del Re, non venissero molesati da chicchesia, si volle loro accordare la regia protezione, ancor per lo spazio del tempo, in cui si disponevan alla partenza, come pure per altri quaranta giorni dopo che in effetto fossero intieramente sloggiati da’ luoghi di sua signoria.

Vengon proibiti di portar con loro la roba.

VII.  Siccome però gli accennati Ebrei si ritrovavan allora debitori di molto al Re, alle Chiese, alle città, ad a’ aprticolari: perciò venne pure per l’editto suddetto comandato, ch’eglino in andando via, nulla con esso loro portassero di quanti beni mai possedevano; se non se quello scarso residuo di roba, che loro fosse per avanzare, dopo che con giusto e puntuale pagamento fossero già usciti di debito.

Si manda in Sicilia l’accennato editto.

VIII.  Fu questo editto disposto nella città di Granata, ed insieme con le istruzioni a parte per la maniera, nella quale si dovev’eseguire, fu indirizzato a D. Ferdinando de Acugna, allora Vicerè della Sicilia sotto il dì 31. Gennajo dell’anno MCDXCII.(a). Prima però [198] di farsene la pubblicazione in Sicilia, il popolo ricordandosi bene spesso delle insopportabili scostumatezze degli Ebrei, a niente altro tutto giorno pensava, che di vederne senza indugio l’esecuzione. Avvisandosi però, che l’affare si manderebbe in lungo, mal sofferenti di più aspettare, cominciarono ad ammutinarsi contra l’abborrita nazione: quindi i regj ministri, temendo di qualche movimento popolare in danno de’ medesimi Ebrei, pensaron ripararlo per mezzo d’un pubblico bando, notificato il dì 24. Maggio del medesimo anno(a); per cui gli stessi Ebrei si mettevano sotto la real protezione difesa, e salvaguardia, forte minacciando con pena di quattro tratti di fune chiunque ardisse insolentarli.

Niente però concependo di paura e di temenza i Siciliani ad una tale ordinazione, pensarono irriverenti di poter mandare innanzi la meditata congiura: fu d’uopo perciò, che il dì I. Giugno dello stesso anno altra nuova intima si pubblicasse(b), per cui con risoluto decreto si minacciava agl’inobbedienti la proscrizione de’ beni, e la pena capitale.

Sebbene con tale rinnuovamento di pene si facesse alcun poc’argine all’impeto ardente del popolo; si diede tuttavia campo agli Ebrei di farsi coraggio, e di prendere ardire, quanto uno meno se lo aspettava: conciosiaco-[199]sacchè, per isfugire il giusto peso di soddisfare i debiti, conturbavano grandemente lo stato della repubblica: essendo che gli uni furtivamente si partivano con le loro sostanze dal regno: gli altri si davano fretta a trasportarne solamente la roba: alcuni alienavano nella miglior maniera, che potevano gli stabili: gli altri serrandole botteghe, stavano tutt’intenti ad occultare le merci. Cisì dunque com’erasi dato provvedimento alle sedizioni de’ Cristiani, si pose riparo alle truffe e sotterfugj degli Ebrei, promulgandosi per comandamento del testè nominato Vicerè il dì 9. del medesimo mese di Giugno altri quattro nuovi decreti(a); pe’ quali venivano gli stessi Ebrei distolti dal concepito disegno: intimandosi a’ prevaricatori delle sagge ordinazioni, e con essi a chiunque gli ajutasse a contravenire, la multa della vita, e la perdita della roba.

Il suddetto editto si promulga in Sicilia.

Dipoi il dì 18. dello stesso mese si divenne alla solenne promulgazione dell’accennato editto del general e perpetuo sbandimento d’essi Ebrei, fattosi pubblicamente notificare a suon di trombe in tutte le città e villagi del regno, ed in tutte l’isole ancor adjacenti. Ma perchè grand’era il numero degli Ebrei, perciò nacque ribrezzo e timore nell’animo de’ regj ministri, pel dubbio di qualche precipitosa sollevazione dell’esiliata nazione: quind’insieme coll’accennato editto si pubbli-[200]cò un altra nuova viceregia ordinazione(a), per cui agli stesi Ebrei sotto acerbissime pene veniv’affatto proibito l’uso d’ogni qualsisia sorta d’arme.

XII.  Nello stesso tempo, secondo le succennate istruzioni(b), non solo nelle porte d’ogni Ghetto, ma nella casa pure di ciascun Ebreo in particolare, si pose l’insegna del Re; e susseguentemente si fecero gl’inventarj da casa in casa di tutt’i loro mobili. Il che effettuato, la roba meno preziosa si conservò tra casse ben serrate e suggillate, che rimasero in podere degli stessi padroni: e l’oro l’argento la moneta le pietre preziose le gioje i drappi di seta, e gli altri arredi di maggior valore, dopo essersi pesati e numerati, si consegnarono in deposito a’ Cristiani benestanti.

Sagge ordinazioni per seguir la partenza senza confusione.

XIII.  Affinchè poi ‘n tal confusione di cose l’affare s’eseguisse con quella puntualità, che si conveniva, si promulgarono nello stesso dì 18. Giugno, e ne’ giorni d’appresso altri IX. bandi(c), che quì brevemente riferiamo: I. che la roba degli Ebrei ne per inganno, ne per violenza venisse usurpata da’ Cristiani. II. che i Notaj nello spazio di due giorni depositassero gli esemplari de’ contratti fatti dagli Ebrei. III. che gli stessi Ebrei non trasportassero la roba loro da casa in casa. IV. che i loro [201] creditori nel termine di quindici giorni facessero un distinto ragguaglio delle somme loro dovute; ed i debitori ch’avevano date gioje, o altri mobili in pegno agli Ebrei, tra giorni sei parimenti il rivelassero. V. che le persone, le quali avevano ricevuti in deposito mobili, e schiavi da’ medesimi Ebrei, incontinente il manifestassero. VI. che i debitori degli Ebrei si presentassero al regio Fisco, palesando sinceramente la somma de’ debiti. VII. che gli Ebrei nello spazio d’un sol gorno rivelassero i loro stabili. VIII. che i loro debitori di rendite annuali senza indugio alcuno mettessero in pubblico i censi dovuti. IX. che i compratori degli stabili d’essi Ebrei dal mese d’Aprile in poi dello stesso anno fossero similmente tenuti a farne il legittimo manifesto.

Gli Ebrei pagano il capitale delle loro gravezze.

XIV.  Sopragiunse frattanto altor precetto del Monarca, per cui si voleva, che prima che gli Ebrei partissero dal regno, soddisfacessero a tutte le gravezze perpetue in capitale, a ragione del quattro per cento. Perciò li 12. Agosto del medesimo anno sene diede l’avviso(a) a tutt’i Segreti delle città e villaggi, ove erano gli Ebrei. Si comandò pur loro di finire con speditezza gl’inventarj degli stabili e mobili, secondo prima s’era ordinato: di dare al regio Fisco intiera notizia delle loro gravezze: ed infine di fare intes’i Proti, ed i Majo-[202]renti d’ogni comunità, che mandassero in Palermo i loro deputati, perchè insieme col regio Fisco trattassero della maniera più propria d’uscire di debito.

Sovvenimento loro dato per la partenza.

Fattisi finalmente gl’inventarj, e spogliati affatto gli Ebrei di tutt’i loro beni, assai chiaro si conobbe, ch’eglino restavano spossati, e mal atti a mettere in esecuzione l’intimata partenza: onde a supplichevoli loro preghiere(a), e con l’uniforme parere di tutt’i ministri, che il sacro regio Consiglio componevano, si prese la risoluzione di somministrar alla stessa gente un qualche sovvenimento: e però a 13. Agosto dello stesso anno fu data a ciascuno degli Ebrei licenza di poter portare seco una sola veste usuale, una matarassa, una copertina di lana o di saja, un pajo di lenzuola usati, ed inoltre la somma di tari tre, ed alcune poche vettovaglie, che potessero servire pel cammino. Si ordinava di più che quando vene fossero de’ cosi miserabili, quanto già non potessero provvedersi dell’accennate cose, allora le conseguissero sopra i beni inventariati degli altri Ebrei facoltosi. Ciò si voleva eseguito con puntualità, per opera de’ Capitani, e de’ Segreti di que’ luoghi, ne’ quali ritrovavansi gli Ebrei.

Domandano che si aumenti il sovvenimento.

XVI.  Sbalorditi intanto gli Ebrei, e quasi fuor di se per il tenue sollievo loro conceduto, il quale invero era così scarso, che in quello [203] estremo urgentissimo bisogno, mai non giungeva ad opportunamente sovvenirgli, fecero dalla comunità di Palermo per nome suo, e di tutte l’altre il dì 18. del medesimo mese d’Agosto presentare con preghiera da muovere a pietà chiunque più inumano si fosse, un’altra loro scrittura(a), ove si leggevano le seguenti domande. I. ch’oltre i pochi tarì loro conceduti pel viatico, conseguissero ancora il danajo necessario pel nolo di loro navigazione. II. che gli Ebrei obbligati a portar seco in Palermo, o nell’altre città marittime, i loro beni riposti e sugillati, per lasciarli a’ Segreti delle medesime città marittime, potessero lasciare di chiudere la roba usuale, affine di servirsene per istrada. III. che gli Ebrei facoltosi, i quali possedevano roba in abondanza, potessero nella loro patria lasciare in deposito le sostanze, senz’altrimenti esser obbligati a trasportarle nelle città marittime. IV. che i debitori spossati, ed affatto inabili ad uscire di debito, un mese prima di terminare il tempo dello sbandimento, fossero scarcerati, e posti in libertà. V. che gli accennati Capitoli, non solo giovassero agli Ebrei di Palermo, ma pur anche a tutti gli altri del regno.

Si condiscende alla domanda.

XVII.  Appena erano scorsi due soli giorni dalla presentazione di questa supplica, che tosto si spedì dal Vicerè un’altra ordinazione(b), [204] in cui si comandava a’ Capitani, a’ Segreti, ed in oltre ad alcuni Governadori de’ luoghi, ne’ quali gli Ebrei tenevano domicilio, che agli Ebrei di miglior  condizione, ricchi e facoltosi, si desse sopra i loro beni già trattenuti in deposito, il doppio di quanto s’era dato agli Ebrei poveri, trattane la veste, la quale anche per costoro doveva essere unica, e delle mediocri, non mai delle migliori. Di più, che così gli uni, come gli altri diligentemente venissero ricercati, non che nelle materasse, ma in tutte le parti del corpo da ricercatori, e ricercatrici onesti, cioè a dire, i maschj da maschj, e le femmine da femmine: affinchè non portassero seco nascosti beni di sort’alcuna. Si aggiungev’ancora di più, ch’il Segreto, il Vicesegreto, o altro regio ministro tenesse loro compagnia nel cammino, che far dovevano, per arrivare senz’alcuna molestia nelle suddette città marittime, dalle quali dovevan andarsene via dal regno.

Si allarga il termine dello sfratto.

XVIII.  Mentre che così andavan le cose degli Ebrei, giunse un nuovo diploma del Re, per cui loro si allargava il tempo dello sfratto per altri tre mesi, che dovevano cominciar a numerarsi da’ 18. Settembre sino li 18. Dicembre. Questo diploma(a) fu promulgato in Sicilia il dì 29. Agosto dell’anno MCDXCII. e nella stessa giornata spedito a’ Capitani Giudici Giurati, e Segreti de’ luoghi abitati da-[205]gli Ebrei, i quali per questa grazia, ch’ottennero alla non pensata vennero a fare l’offerta di cinquemila fiorini, che si pagaron nella maniera, che più sotto saremo per dire.

Si calculano i capitali delle gravezze.

XIX.  In questo mezzo tempo fattosi tra i regj ministri, ed i deputati Ebrei il calcolo delle gravezze, riducendole in capitale alla ragione del quattro per cento, ascese l’intiera somma a fiorini centomila; che uniti agli altri cinquemila, di cui fa dicemmo, in tutto resultaron debitori gli Ebrei in fiorini centocinquemila; i quali si ripartirono secondo le facoltà di ciascun Ebreo, dirizzandosi a tal effetto le Viceregie lettere(a) a tutti gli ufiziali delle città e villaggi, ov’erano delle Giudaiche comunità, sotto la giornta de’ 16. Dicembre del medesimo anno.

Pagano la somma.

Fattosi ‘n questa forma dalla maggior parte degli Ebrei il pagamento, loro si restituì il di più de’ beni inventariati, a condizione, che non portassero seco ne oro ne argento, ne gioje; ma cambiassero quest’in massarizie, e robe meno preziose(b). Erogò la Corte allora tutte queste somme in riscattare gl’introiti della segrezia di Palermo, che si ritrovavano venduti: si accollò poscia sopra di questi quanto mai si dovev’alle Chiese, ed a’ particolari, o alle città, per cagione degli accennati pesi perpetui dovuti da essi Ebrei.

Ultima proroga del termine dello sfratto.

XXI.  Ma posciachè non tutti, secondo noi dicevamo, furono pronti a trarsi d’impaccio pel debito, il quale avevano alla Corte: perciò di que’ quaranta giorni, che dal Reerano stati conceduti di salvaguardia agli stessi Ebrei, perchè non fossero molestati dopo lo sfratto dal regno, sene scemarono venticinque, e s’accrebbero al termine della partenza, lasciandosi gli altri quindici dì pel tempo del salvocondotto(a). Fu dunque loro senza speranza d’altra nuova dilazione prolungato il partire insino il dì 12. Gennajo dell’anno d’appresso MCDXCIII.

Si effettua  la partenza.

XXII.  Intanto benchè l’editto del generale discacciamento fosse stato promulgato in Sicilia a 18. Giugno dell’anno MCDXCII. col tempo di soli tre mesi; tuttavia eglino non si partirono tutt’insieme; ma di tratto in tratto, secondo che loro tornava più comodo d’andarsene via: molto più a cagione dell’accennate due proroghe: a tal segno che quantunque loro fosse stata data licenza di trattenersi sino al giorno 12. Gennajo dell’anno d’appresso, come or ora si è detto; tuttavia senza lasciar passare tanto tempo, si diedero alla partenza il dì 31. Dicembre dello stess’anno MCDXCII. come ci riferisce il Lettara(b) scrittore perchè vicino a que’ tempi, molto adattato a far fede.

Tripudiano i Siciliani per la partenza degli Ebrei.

XXIII.   Per questo perpetuo generalissimo sbandeggiamento degli Ebrei altamente ne tripudiò il popolo, e dal contento, e dall’allegrezza ne fu intimamente penetrato il loro cuore. Non però in mezzo alla gioja, che dimostravano i Siciliani per un tale fatto, giunsero a dimenticarsi di rendere un divoto tributo di grazie e di laudi a quel Signore, pel cui beneficio era loro accaduto tanto bene. Anzi perchè la memoria della gratitudine coll’andare degli anni non si perdesse, ma sempre più s’imprimesse nelle menti loro, e de’ loro posteri: ne registrarono il fatto non che su le carte, ma nelle pareti ancora delle Chiese; come sin al giorno d’oggi si vede in Palermo nella Chiesa dell’ospidale di S. Jacopo dentro il quartiere de’ soldati: ove vicino il tetto della Chiesa si legge una lunga narrazione storica in lingua rozza, come in quell’età stava in uso presso i Siciliani; dalla quale qui ne trascrivo sino a quella parte, che fa al nostro proposito.

D. M.CCCCXCI. RE FERRANTI SERE-

NISSIMU RE DI CASTELLA ET CET R/

PRISI LU REGNU DI GRANATA. ET

M CCCCLXXXXII. FORU CACHATI LI

JUDEI DI QUISTU REGNU DI SICILIA.

ET A. M CCCCLXXXXIII. RE CARLU OC-

TAVU DI FRANZA RESTITUIU LU CUN-

TATU DI PIRPIGNANA A LU SERENISS.

RE DI CASTELLA. &c.

XXIV. Fecero i Siciliani ancor di più per mostrar chiaramente quanto sensibili fossero [208] stati a quel celeste benefizio. Istituirono una nuova epoca, onde se per l’addietro numeravano gli anni solamente dall’incarnazione di Gesucristo; d’allora in poi cominciaron a contarli ancora da questo tanto celebre discacciamento. Laonde nell’anno MCDXCIII, che fu il primo dopo lo sfratto degli Ebrei per ordine del Re Ferdinando, ed il terzo dopo la presa di Granata fatta dal medesimo Sovrano, rifabbricandosi in Catania il palazzo Senatorio, fuvvi posto un marmo con la Iscrizione, che qui fedelmente trascriviamo:

+ 3. ROSILIO CAPTA GRANATA I.

JUDEIS PULSIS MEDIO CLARIOR

RESURGO: FERDINANDO. R. CUNAQ.

REGENTE  MCCCCLXXXXIII.

(…)

Numero degli Ebrei espulsi dalla Sicilia.

XXX.  Per quanto poi s’appertiene al numero degli Ebrei scacciati via dalla Sicilia, non abbiamo, come dapprima ci siamo protestati, testimonianze donde poterlo con certezza dedurre; qualche cosa nulladimeno più opportunamente di questo soggetto si è detto nel Cap. II. di questa prima Parte, riportandoci intieramente ad alcune scritture, che ivi s’esposero; le quali nella denza caligine della barbarie, e dell’antichità possono unicamente servire di face, a discoprire, al meglio che si può, le ascose memorie de’ tempi a noi lontani.

[Nel cap. II vengono riportate 57 comunità ebraiche in Sicilia. Al n. IV, scrive: “Diciamo intanto, che gli Ebrei arrivarono nella Sicilia ad un numero tanto considerabile, che sormontavano la decima parte degli stessi Siciliani. E di questo par che non se ne possa dubitare.”. A n. VI: “Aggiungasi a tutto questo, che nell’anno MCDXCI. conforme più opportunamente mostreremo in appresso nel Cap. XII. vennero a folla nella Sicilia molti altri Ebrei Arabi, e tutti que’ Provenzali, i quali discacciati da quella provincia, vennero a ritrovare ricetto in questo regno, e particolarmente nella città di Palermo…”]

[Pensa che gli ebrei siciliani molto verosimilmente si siano rifugiati nel regno di Napoli, da dove saranno poi ancora scacciati dall’imperatore Carlo V nel 1539.]

Nella pagine 216-229 viene riportato il testo del “Bando per lo sfratto degli Ebrei dalla Sicilia“. E’ in dialetto siciliano.

Parte prima, c. XVIII: ‘Sommo sacerdote’.

[128]CAPO XVIII.

De’ Sacerdoti, e Sommi Sacerdoti de’ medesimi Ebrei.

(…)

[129]I Sommi Sacerdoti.

III.  Eleggevano inoltre gli Ebrei della Sicilia i loro Sommi Sacerdoti: volendo mostrare per questo mezzo non essere in loro mancata la disciplina della suddetta legge Mosaica; ch’ammetteva, come ognuno sa, due spezie di Sacerdoti, diversi negli abiti, e nell’ufizio: vale a dire il Sommo Sacerdote, il quale veniva considerato come il capo ed il primo minsitro della religione; ed i semplici Sacerdoti d’ordine inferiore.

La loro elezione.

L’elezione de’ Sommi Sacerdoti, ed altresì quella de’ semplici Sacerdoti veniva fatta ora dal Vescovo(a), ora da’ Proti loro fratelli(b). E si faceva non solo per la comu-[130]nità di Palermo, di Messina, di Catania, e per l’altre, le quali per la numerosità del popolo, e per la copia degli averi, fra tutt’erano riputate le migliori; ma per tutte l’altre meno ragguardevoli, e di minor conto. Quindi abbiamo noi la notizia di Bitone Sommo Sacerdote della comunità di Castiglione, di Salomone, e di Giuseffo Sacerdoti di Caltagirone, di Muca Sacerdote della comunità di Sanmarco, e di Lazaro Sacerdote dell’Ebraismo di Termini; conforme dimostreremo ove che delle suddette comunità in particolare ci toccherà di ragionare.

_________

Cfr. CORDARO-CLARENZA, 1833, pp. 100: citazione del DE GIOVANNI.
(2) La Provincia di Catania.
(1) VILLABIANCA, op. cit., vol. I, lib. 3.
(2) La di cui abitazione sorgeva adiacente l’antica porta della Bocceria al posto dell’attuale palazzo del signor Letterio Tuccari, in via Regina Margherita.
(3) Sacre e tradizionali e degne di ogni rispetto sono le manifestazoini religiose dei popoli cristiani. Non vi è stoltezza maggiore, che schernirli nell’esercizio di esse, e peggio ancora insultarli. E’ evidente quindi, che in tal guisa, si affrontano le ire sue, che giusto risentimento spinge a pigliarne le difese.
(1) Monsignor Giovanni DI GIOVANNI, L’Ebraismo in Sicilia.
(a) Ex Reg. Cancell. l. ann. 1492. @ 1493. p. 48.
(a) Lib. de Judaic. Superst. Cap. 9. in fine.
(b) Maimonides in Thephillab.
(a) De Civitate Dei lib. 6. Cap. II.
(a) Tract. de Judaeis. pag. 77.
(a) Par. II. Cap. 4.
(b) Par. I. Cap. I.
(a) Rituale Hebraeor. editum Amstelodami ann. 1649. pag. 39. a tergo.
(a) Par. II. Cap. 3.
(b) Apud Ademarum Chronico.
(c) Ex Reg. Cancell. lib. ann. 14. Ind. 1406. p. 83.
(a) Ibid. lib. ann. 9. Ind. 1431. pag. 277.
(a) Cap. 20. pag. 89. & seqq.
(a) Ex Reg. Cancell. lib. aan. 2 Ind. 1453. p. 197.
(b) Ex Offic. Proton. lib. ann. 7. Ind. 1474. pag. 169. & lib. ann. 8. Ind. 1475. pag. 146.
(a) Dialog. cum Triphone pag. 348.
(a) Apud Octav. Cajet. Isagog. ad Histor. Sicul. cap. 35.
(a) Samper. Iconol. B.V.Mariae lib. 4. cap. I. pag. 469. Pirr. Not. Eccl. Messan. ad ann. 1347. Francisc. April. Cronol. Sicil. p. I. lib. 2. cap. 4. pag. 251. Hippolytus Marracci Heroid. Marian. §. 15.  pag. 153. Steph. Maurus in sua Messana, pag. 204.
(a) Loco jam cit. pag. 470.
(b) Riti, e costumi degli Ebrei cap. 36.
(a) Vit. Sanctor. tom. 2.
(a) Apud Francisc. April. Chron. Sicil. part. I. lib. 2. cap. 4. pag. 251.
(a) Supra Cap. XXIV. n. 20.
(b) Possevin. in Apparat. Sacr.
(a) L. cum qui. C. de Apostat.
(a) Ex Archivio Senatus Panorm. lib. ann. 1492. die 18. Junii.
(a) Ex Archiv. Senat. Panorm. die 24. Maji.
(b) Ibidem. die I. Junii.
(a) Ibiddem die 9. Junii.
(a) Ex Archiv. Senat. Panorm. die 18. Junii.
(b) Ibidem eodem die.
(c) Ibidem die 18. Junii, & seqq.
(a) Ex Offic. Proton. lib. ann. 10. Ind. 1491. & 1492. pag. 46.
(a) Ex Offic. Proton. lib. ejusdem anni pag. 49.
(a) Ibid. eod. lib. pag. 109.
(b) Ibid. eod. lib. ejusdem anni pag. 93.
(a) Ex Offic. Proton. l. ann. 10. Ind. 1491. p. 125.
(a) Ibid. l. 2 an. 11 Ind. 1492. et 1493. p. 256.
(b) April. Chron. Sicil. par. I. lib. 2. cap. 4. p. 252.
(a) Ex Offic. Proton. lib. ann. 11. Ind. 1492. & 1493. pag. 136. retrò.
(b) Histor. de rebus Netinis ad ann. 1492. p. 132.
(a) Apud Pirr. Not. Eccl. Mazzar. ann. 1444.
(b) Ex Offic. Proton. l. ann. 3. Ind. 1454. p. 298.

 

c) Decreto di Ferdinando per i fratelli ANDREA e BARTOLOMEO CRISI – 10/02/1495

[Copia manoscritta nella Biblioteca Villadicaniense di Castiglione di Sicilia: 2 pp., r + v.]

[r]

“[1] Nos Ferdinandus Dei Gratia Rex Castellae, Aragonum, Legionis, Siciliae
[2] Granatae, Toleti, Valentiae, Galleciae, Majoricarum. Hispaliae, Sardiniae, Cor-
[3] dubae, Corsicae, Murciae, — enniae, Algorbii, Algazirae, Gibaltaris, et Insu
[4] larum Canariae, Comes Barcinonae, Dominus Biscajae et Molirae, Dux Athe-
[5] narum, et Neopatriae, Comes Rossilionis, et Cerïtaneae, Marchio Oristanni
[6] et Gotiani.
[7] Fuistis, ut accepimus, vos dilecti nostri Andreas Crisi, et Bartholo-
[8] maeus Crisi fratres oriundi terrae Castrileonis, Regni nostri Siciliae annis
[9] superioribus inculpati, et criminaliter accusati de nece Bitonis summi
[10] Sacerdotis, quondam Iudaei in eadem terra perpetrata: et in ejus necis
[11] perpetrationem, et criminalem accusationem factam per Rachalunam
[12] ejus matrem VII. die Iulii IX. Ind. anno MCCCCXCI in felice urbe
[13] Panormi banniti; et quia neque comparere, neque in manibus dictae
[14] nostrae Curiae vos ponere curastis, fuistis foris judicati per quondam
[15] Viceregem nostrum dicti Regni in nobili Civitate Messanae XXX. Au-
[16] gusti X Ind. 1492: on quod in capitalem poenam, et condemnationem
[17] incurristis; eam igitur ob rem —- Fisci nostri Procurator, dictaque
[18] accusatrix dictam foris judicationem contra vos, et utrumque vostrum crimi-
[19] naliter presequatur: et quia vos ad nos accessistis, et nonnulla servitia,
[20] et egregia facinora in servitium nostrum egistis, et ex informatione quo-
[21] rundam familiarium, et domesticorum nostrorum accepimus, necem prae-
[22] dicti Bitonis per vos perpetratam fuisse ob zelum religionis, et fidei
[23] christianae; nam dum processiones et litaniae per dictam terram fierent
[24] ex ictu lapidis injecti ex fenestra domus, in qua commorabatur dictus
[25] Bito, fuerit confractum brachium imaginis Crucifixi Domini Nostri: et
[26] licet aliqui Hebraei deposuerint in contrarium, tamen non faciunt fi-
[27] dem contra Christianos, et non erant in testes admittendi: Ideo nobis
[28] supplicastis, quod vobis parcere dignaremur, et praedictos Iudaeos com-
[29] morantes in Regno expellere: cui supplicationi benigne inclinati,
[30] ex eo praesertim quia ad parcendum, quam ad ulciscendum sumus
[31] Regia nostra consuetudine proniores, vobis parcere decrevimus, et
[32] quoad expulsionem Hebraeorum dicti Regni jam fuit provisum, et
[33] promulgatum bannum, Ideo tenore praesentis de nostra certa scientia
[34] deliberate et consulto remittimus, ac solvimus et relaxamus vobis
[35] Andreae Crisi, et Bartholomaeo Crisi fratribus, et vestrum utrique
[36] omnem actionem, quaestionem, et petitionem criminalem, quam con-
[37] tra vos, et quemlibet vestrum, nos aut magna nostra Curia dicti Re
[38] gni Siciliae criminaliter possemus, aut posset in Iudicio, vel extra
[39] judicium ad Fisci nostri Procuratoris, aut praedictae accusatricis in-
[40] stantiam, aut alio quovis modo facere seu movere occasiones cri-
[41] minis antedicti: ita quod sive in praemissis culpabiles fueritis, sive
[42] non contra vos, et alterius vestrum non possit per nos aut per
[43] dictam magnam Curiam, et Officiales nostros ad dicti Fisci nostri Pro-
[44] curatoris, et dictae accusatricis instantiam, nec alio quovis modo agi
[45] procedi, nec poenas infligi; quin potius sitis et uterque vestrum

[v]

[1] sit inde liberi, penitusque, et perpetuo absoluti, imponentes parti ac-
[2] cusatrici dicti procuratoris nostri Fisci super his silentium sempiter-
[3] num. Mandantes Vice Rege, Magistro Iustitiario, et ejus LocumTenenti
[4] Iudicibus Magnae Regiae Curiae, Thesaurario, et Conservatori nostri Regii
[5] Patrimonio in Regno praedicto Siciliae, et alijs universis et singulis Of-
[6] ficialibus nostris et subditis in eodem Regno constitutis, et constituen-
[7] dis et dictorum Officialium Locum tenentibus praesentibus, et futuris,
[8] quatenus hujusmodi absolutionem, definitionem, et relaxationem, et
[9] omnia, et singula in ea contenta teneant, et inviolabiliter obser-
[10] vent, tenerique, et observari faciant, et contra ea non veniant, nec,
[11] contra ire aliquem permittant aliqua ratione, seu causa: quin
[12] potius omnia, et singula, inquisitiones, processus, et alia notamenta
[13] quaecumque propterea facta contra vos aut alterum vestrum occa-
[14] sione praedicta cancellent, et deleant, prout nos hujusmodi seire can-
[15] cellamus penitus et delemus. Per hanc autem remissionem nostram
[16] intendimus, et est intentionis nostrae remittere vobis confiscationem
[17] bonorum vestrorum, aut alterius vestrum, occasione praedictae, per
[18] curiam nostram forte factam, dictaeque confiscationi praejudicium
[19] inferri, quam confiscationem irritam esse volumus, et nullius,
[20] roboris. Pro hujusmodi verò remissione, absolutione, et relaxatione, ni-
[21] hil fuit per vos Curiae nostrae solutum, quoniam eam vobis fecimus
[22] et concessimus gratiosè et pro zelo et cultu Justitiae, quemadmodum
[23] et pro zelo religionis Christianae dictum Bitonem interfecistis; et
[24] servitia per vos nobis praestita irremunerata pertransire non in-
[25] tendimus. In cujus rei testimonium praesentes fieri jussimus no-
[26] stro negotiorum Siciliae communi sigillo pendenti munitos.
[27] Datum in oppido Majorato die X mensis Februarii XIII. Ind. anno
[28] a nativitate Domini 1495. Regnorumque nostrorum videlicet Siciliae
[29] 28. Castellae et Legionis 22. Aragorum et aliorum 17. Granatae
[30] anno quinto. –
[31] Ego Rex Ferdinandus. ”

b) ENZO GRASSOUn amore giudeo, [FIRENZE], FIRENZE LIBRI, 1987, pp. 88, (£. 15.000). (La Sindrome di Stendhal, N. 8). [Romanzo].

Retrocopertina:

“«Delitto… non c’è delitto», sentenzia Tomàs de Torquemada (1420-1498), l’Inquisitore, nel giudizio per due nobili siciliani condannati a morte per l’omicidio di un rabbino.

Così Torquemada convince Ferdinando il Cattolico, re d’Aragona (1459-1516), a promulgare un editto che impone agli ebrei l’esodo dalla Sicilia e la confisca dei loro beni.

Alla base del delitto «condonato» c’è una storia d’amore, in sfondo la Sicilia (Castiglione e poi Palermo), di due ragazzi, Davide Bitone e Anna Preximone – l’uno ebreo, l’altra cristiana. Gli omicidi sono altri, Andrea e Baertolomeo Crisi che pugnalano il rabbino, lo zio di Davide. Questi è stato sacrificato – novello Isacco – in nome della ragione di stato e della paura. Ma il rabbino non ce la fa più: il rimorso lo attanaglia e la sua colpa si fa sasso contro il Cristo. Andrea Crisi, promesso sposo di Anna, vendica il suo amore e la «fede» con una pena sommaria. Di qui il processo.

Quella che Enzo Grasso racconta in questo romanzo-inchiesta è una storia autentica, costruita pazientemente sui documenti che lo stesso autore ha raccolto. E’ un inquietante episodio d’amore e morte, con estreme conseguenze politiche: pare, così, partorito dalla cronaca di giorni non remoti, quelli che hanno portato ai genocidi. Allora la vicenda ci conferma che il malessere, rabbia e odio razzista, hanno radici lontane, e pur sempre di potere. L’amara pagina di storia (di guerre di religione) che Grasso ci narra è tutta da meditare. Se c’è ricchezza d’amore e d’odio, se c’è pathos, c’è anche un’enorme carica-fantastica che, assieme allo studio storico, sfocia in una rappresentazione viva e intensa: si risolve in un poema.”

Annunci